Alta tensione in sella

Matteo Beffa, ticinese trapiantato a Zurigo, sarà tra i protagonisti della prossima Hublot Polo Cup di Ascona, dal 17 al 19 luglio.

Un mix tra golf, hockey e ippica. Matteo Beffa di quel miscuglio si è innamorato al primo colpo. Il 36enne ticinese sarà tra i protagonisti della sesta Hublot Polo Cup in programma ad Ascona dal 17 al 19 luglio. «Del polo mi affascinano la coordinazione che bisogna avere in campo e il rapporto che si instaura con i cavalli».
Nato a Lugano, Matteo cresce prima a Sant’Antonino, poi in Francia e sulle rive della Limmat. «Mio padre girava molto per lavoro. Da Zurigo in seguito non mi sono più mosso. Oggi gestisco una ditta che distribuisce veicoli elettrici». Da circa 6 anni si dedica pure al polo. «Perché amo i cavalli e l’azione». Dopo un corso in Argentina, nel 2012 Matteo fonda il Legacy Polo Club di Zurigo. «Società in cui i cavalli sono a disposizione dei soci. Si dice che il polo sia uno sport per ricchi. Ma in questo modo per chi lo pratica si abbassano i costi».  
Le partite ufficiali si disputano in 4 contro 4 (ad Ascona in 3 contro 3, per via delle dimensioni ridotte del campo), sull’arco di 4 tempi da 7 minuti. «Il cavallo viene cambiato alla fine di ogni quarto, perché si stanca parecchio». Nella Svizzera italiana la disciplina è poco diffusa. «L’evento di Ascona rappresenta un’eccezione. I club di un certo livello in Svizzera sono 4. Ce ne sono altri più piccoli». Ad Ascona Matteo sarà presente con la squadra Giardino Group-Fipa Group. «Per me è la seconda volta. È una manifestazione in cui si respira aria di festa. Ci torno volentieri».




TORNA ALLA SEZIONE «SPORT» DI COOPERAZIONE

Commento (0)

Grazie per il vostro commento.

Questo commento ha un contenuto sgradevole?

Il testo sarà controllato ed eventualmente modificato o bloccato.

Il vostro commento

Non avete ancora scritto il commento.

Questo campo deve essere compilato. Grazie.

Campo obbligatorio
Questo campo deve essere compilato. Grazie.










Si prega di commentare nel rispetto della nostra netiquette e degli altri utenti.

Testo: Patrick Mancini

Foto: MAD

Pubblicazione:
domenica 05.07.2015, ore 00:00


Login con il profilo di Cooperazione

Chiudere
Fehlertext für Eingabe

Fehlertext für Eingabe

Dimenticato la password?