Animale in famiglia, i consigli dell'esperta

L'arrivo di un animale domestico in famiglia è un'esperienza importante sia per i genitori che per i bambini. I consigli della veterinaria Line Gentsch-Baumberger — ALAIN WEY


Line Gentsch-Baumberger, veterinaria


Come si sceglie un animale domestico?
Sono i genitori a sceglierlo. È bello far felici i bambini, ma sappiamo tutti molto bene che alla fine sono i genitori che devono prendersi cura dell’animale. Ovviamente la decisione dev’essere frutto di una discussione in famiglia. Ma l’animale da compagnia prescelto sarà quello che i genitori riterranno più facilmente gestibile.

Dopo la discussione in famiglia, che cosa determinerà la scelta?
Il livello di interazione con l’animale. Con alcuni, come cani e gatti, possiamo interagire, altri li possiamo invece solo osservare. Gli animali con cui si può interagire in modo limitato, come conigli, porcellini d’India e criceti o ratti, possono in genere essere addomesticati piuttosto bene. Poi ci sono animali più “decorativi”, da guardare, come uccelli o pesci. E infine i rettili, che non potremo accarezzare o prendere in mano a piacere.

Quali animali non sono adatti ai bambini?
In primo luogo quelli velenosi, come i serpenti. Ma ci sono altri animali sconsigliati... Con il criceto o il furetto, ad esempio, il bambino non potrà interagire molto. Anche il cane più mansueto però non si dovrebbe lasciare da solo con un bambino.

Quando un bambino può portare a spasso il cane da solo?
Dipende dalle dimensioni del cane... Il bambino dovrebbe pesare circa dieci volte più del cane per riuscire a controllarlo. Quindi, se il cane pesa 1 kg, il bambino dovrebbe pesarne 10. E se il cane pesa 10 kg, il bambino dovrebbe pesarne 100. Un bambino non sarà in grado di portare a passeggio autonomamente il cane prima dei 10 – 12 anni di età... a meno che dimensioni ed educazione del cane non lo permettano.

Come scegliere il tipo di animale più adatto alla propria famiglia?
Sono molti i fattori da tenere in considerazione: tipo di interazione, investimento finanziario (acquisto, cura giornaliera), spazio (appartamento, giardino, città o campagna) e tempo a disposizione. Se si prende un cane, bisogna dedicargli diverse
ore al giorno. Mentre per un gerbillo (piccolo roditore, ndr) basteranno 15 minuti al giorno.

Che cosa significa per una famiglia avere un animale da compagnia?
È un modo per portare un po’ di natura tra le mura domestiche. Il bambino impara il rispetto per un altro essere vivente, impara ad avere pazienza con l’animale e a costruire con lui una relazione. Sono tutte esperienze importanti e ­formative. Per un bambino piccolo conta poter accarezzare l’animale, quello un po’ più grande invece, a contatto con l’animale, impara il senso di responsabilità (dargli da mangiare una volta al giorno, aiutare a pulire la ­lettiera, portare fuori il cane, ecc.). E poi la relazione con un animale è un’esperienza di vita: un animale malato che deve essere soppresso potrebbe essere per il bambino la prima esperienza di lutto.

Pur essendo un animale indipendente, il gatto è sempre pronto a giocare.

Cosa non dovremmo dare da mangiare agli animali?
Se parliamo di cani e gatti, in generale, si dovrebbe evitare di dar loro dolci o avanzi. Anche se a noi sembrano piccoli quantitativi di cibo, per loro invece sono troppo grandi. I dolci non li digeriscono, per cani e gatti sono troppo raffinati. Tutto ciò che ha a che fare col cioccolato è pericoloso. Ma anche cipolla e aglio (famiglia delle Alliaceae), perché causano in cani e gatti la distruzione dei globuli rossi. Per il cane è pericolosa anche l’uva, perché può causare problemi renali.

Come comportarsi con un animale domestico?
Rispettandolo come individuo. Dobbiamo adattarci all’animale e al suo comportamento. Se ha un po’ di paura, bisogna trattarlo con gentilezza, ricompensarlo. Non dobbiamo mai obbligarlo a fare qualcosa. I genitori devono vigilare su come si comporta il bambino con l’animale. L’animale ha diritto ad un posto in cui andare a rifugiarsi e dove il bambino non possa andare
a disturbarlo. Insomma, bisogna avere cuore!l

I nostri amici a quattro zampe saranno al settimo cielo!

Per i cani si è completamente rinnovata la gamma Terrines Adult Coop Qualité&Prix: nuove ricette, nuova veste grafica. Quattro confezioni differenti da 600 g (fr. 2.95) o 1.200 g (fr. 3.80), contenenti ciascuna 4 porzioni. Ricette: manzo e agnello, selvaggina e fagiolini, pollo o vitello con verdure, manzo e fegato, pollame e verdure, tacchino, ecc.

Per i gatti si sono invece rinnovate le lettiere Coop Qualité&Prix. I cinque prodotti della nuova linea –  Blue Signal, Soft Sensation, Comfort Natural, Comfort Fresh e Comfort – portano una ventata di freschezza (da fr. 4.50 a fr. 7.80). L’assortimento include lettiere adatte a gatti più sensibili, gattini e persino gatti a pelo lungo.

Torna al menu «Animali»
Vai alla sezione «Famiglia»
Torna all'Homepage

LEGGI ANCHE…


L'appuntamento quindicinale

Le analisi e le opinioni di Ceroni su Cooperazione