«Io, in gara contro il figlio di Schumi»

In soli due anni, la vita di Giacomo Bianchi è stata letteralmente stravolta. Ora corre in Formula 4, a fianco del figlio di Schumacher. — PATRICK MANCINI          

Dai campi di calcio del Lugano alla Formula 4 Championship, a fianco nientemeno del figlio di Michael Schumacher. In soli due anni, la vita di Giacomo Bianchi, 16enne di Tesserete, è stata stravolta dal mondo dei motori. Come in una favola. «Mio padre mi ha trasmesso la passione per l’automobilismo. Il pallone in fondo mi piaceva, e non avrei mai pensato di fare una carriera così rapida in un altro sport». Dapprima i kart, le gare internazionali sui KZ2, a sei marce con cambio manuale. E quel fatidico provino, a Varano, in Italia. Con risultati al di sopra di ogni aspettativa. «E così a primavera 2016 – racconta il giovane, iscritto alla scuola per sportivi d’élite a Tenero – ho fatto il mio esordio nel campionato italiano di Formula 4. Le monoposto sono tutte uguali: motore Fiat, un peso complessivo di 570 chili e una velocità massima che supera i 240 chilometri orari».
La prossima tappa del circuito sarà al Mugello. Località che, già solo per il nome, fa battere il cuore a chi ama le auto. «Io non ho intenzione di accontentarmi, sia chiaro. Sono un ragazzo umile, voglio provare a fare del mio meglio. Già quest’anno penso di partecipare a qualche gara in Germania o in Austria, dove le piste sono davvero toste».  Quando sale sulla sua vettura, Giacomo non mostra un briciolo di paura. «L’emozione c’è sempre, ed è normale. Ma se vuoi vincere, la devi sapere gestire. Il mio sogno per il futuro? Sarebbe scontato dire Formula 1. Mi accontenterei di riuscire ad agguantare il professionismo».

TORNA ALLA SEZIONE «SPORT» DI COOPERAZIONE

Commento (0)

Grazie per il vostro commento.

Questo commento ha un contenuto sgradevole?

Il testo sarà controllato ed eventualmente modificato o bloccato.

Il vostro commento

Non avete ancora scritto il commento.

Questo campo deve essere compilato. Grazie.

Campo obbligatorio
Questo campo deve essere compilato. Grazie.










Si prega di commentare nel rispetto della nostra netiquette e degli altri utenti.


ARTICOLI IN EVIDENZA



Un operatore sociale
con la videocamera

Il documentarista luganese Olmo Cerri ci parla del suo particolarissimo lavoro di ricerca sull’immigrazione italiana in Ticino.


*****

Il figlio di Ivan Graziani
si fa strada

Ecco Sala Giochi, il secondo album di Filippo, 36enne che cerca di seguire le orme del papà. Con discreto successo.

*****



Testo: Patrick Mancini

Foto: Massimo Pedrazzini

Pubblicazione:
martedì 12.07.2016, ore 12:50


Login con il profilo di Cooperazione

Chiudere
Fehlertext für Eingabe

Fehlertext für Eingabe

Dimenticato la password?