Artista dello sport

La 17enne Thea Brogli ha davanti a sé grandi sfide. Il suo segreto? Vivere giorno per giorno. — PATRICK MANCINI          

A Gordola, nella sua cameretta d’infanzia, c’è un angolo stracolmo di medaglie, coppe, riconoscimenti. Thea Brogli, però, oggi non dorme quasi più lì. La sua nuova casa è a Macolin. Ed è stata proprio la ginnastica artistica a spingere la 17enne fin nel canton Berna. «Vivo in un edificio con altre atlete – spiega –. Abbiamo le stanze personali. Tutto il resto, dalla cucina ai bagni, è in comune».

Thea Brogli: «Ogni sfida è un’occasione di crescita». (Foto: Massimo Pedrazzini)

Scuola e sport in un’unica struttura formativa. Thea, cresciuta nella Società federale Giubiasco e ormai da anni in nazionale, si allena duramente per più ore al giorno. Con un grande obiettivo nella testa: la qualifica ai Giochi Olimpici di Tokyo del 2020. «Psicologicamente devo fare attenzione a non correre troppo con la fantasia. La sfida è quella di restare concentrata sul presente. Anche perché il calendario è fitto. Quest’anno, ad esempio, avrò gli europei in Romania ad aprile e il campionato del mondo in Canada a fine settembre. Ogni appuntamento, per me, rappresenta una tappa in cui crescere. La mia specialità? Il volteggio. Rincorrere, saltare, fare avvitamenti. Meccanismi che necessitano di un’esercitazione continua. Nulla va lasciato al caso».

Thea elogia, infine, le compagne di nazionale. «C’è una forte impronta ticinese. Grazie anche ad atlete come Ilaria Käslin o Caterina Barloggio, venute oltre San Gottardo a cercare fortuna. Proprio come me»

TORNA ALLA SEZIONE «SPORT» DI COOPERAZIONE

Commento (0)

Grazie per il vostro commento.

Questo commento ha un contenuto sgradevole?

Il testo sarà controllato ed eventualmente modificato o bloccato.

Il vostro commento

Non avete ancora scritto il commento.

Questo campo deve essere compilato. Grazie.

Campo obbligatorio
Questo campo deve essere compilato. Grazie.










Si prega di commentare nel rispetto della nostra netiquette e degli altri utenti.


ARTICOLI IN EVIDENZA



Un operatore sociale
con la videocamera

Il documentarista luganese Olmo Cerri ci parla del suo particolarissimo lavoro di ricerca sull’immigrazione italiana in Ticino.


*****

Il figlio di Ivan Graziani
si fa strada

Ecco Sala Giochi, il secondo album di Filippo, 36enne che cerca di seguire le orme del papà. Con discreto successo.

*****



Testo: Patrick Mancini

Foto: Massimo Pedrazzini

Pubblicazione:
martedì 21.03.2017, ore 00:00


Login con il profilo di Cooperazione

Chiudere
Fehlertext für Eingabe

Fehlertext für Eingabe

Dimenticato la password?