Aurora, «la nuova
stella del Nord»

Giovani talenti crescono. Come la 19enne norvegese Aurora, enfant prodige che inizia a suonare il piano a 6 anni, a scrivere canzoni a 10 ed esibirsi in pubblico a 15.  — DIEGO PERUGINI

Un’adolescente matura e inquieta, che invece di appassionarsi a idoli «teen» stile One Direction predilige un vecchio maestro della canzone d’autore come Leonard Cohen. Eccola ora al debutto di All My Demons Greeting Me as a Friend (Glassnote), dove la «nuova stella del Nord» racconta il suo mondo onirico e un po’ dark, sul filo di un pop suggestivo e avvolgente, fra elettronica e cori angelici, sprazzi di ritmo e melodie ariose, con richiami alle sonorità celtiche.
Aurora ha una voce pura ed eterea, i testi riflettono su temi ambiziosi come solitudine e mortalità, ma con una luce di speranza sullo sfondo. Il singolo Conqueror è il momento più solare, mentre Runaway spicca per la toccante dolcezza. Home è un gioiello di delicatezza e virtuosismo vocale, I Went Too Far flirta con le atmosfere da club. Un esordio niente male.

Torna al menu «MUSICA»
Vai alla sezione «TEMPOLIBERO»
Torna all'HOMEPAGE

Commento (0)

Grazie per il vostro commento.

Questo commento ha un contenuto sgradevole?

Il testo sarà controllato ed eventualmente modificato o bloccato.

Il vostro commento

Non avete ancora scritto il commento.

Questo campo deve essere compilato. Grazie.

Campo obbligatorio
Questo campo deve essere compilato. Grazie.










Si prega di commentare nel rispetto della nostra netiquette e degli altri utenti.

LEGGI ANCHE…


L'appuntamento quindicinale

Le analisi di Ceroni su Cooperazione

Parliamo d'arte

La rubrica "Il quadro" di Cooperazione



Login con il profilo di Cooperazione

Chiudere
Fehlertext für Eingabe

Fehlertext für Eingabe

Dimenticato la password?