CALENDARIO CULTURA
(Maggio - Agosto 2017)

Lassù sulle montagne…

Lassù sulle montagne, tra boschi e valli d’or… si fa cultura. E noi ci siamo: rispondiamo presente e sosteniamo. A cominciare dalla Leventina, con il festival Airolo in transizione, che vuole creare un’occasione di scambio culturale sul futuro dell’alta valle con un’esposizione, filmati e workshop; o con il SobrioFestival e le sue note classiche nell’omonimo, pittoresco villaggio; o ancora con la Festa cantonale delle mini bande a Faido che vedrà coinvolti oltre trecento giovani. Eccoci inoltre in Calanca, con il ritorno del Festival Demenga: dalla musica classica fino al tango di Piazzolla, ai corni delle Alpi e al concerto dell’Orchestra della Svizzera italiana.
Altra valle e ancora cultura: Muggio con Suoni d’acqua e la sua musica frutto di creatività, abbinata alla scoperta d’intriganti spazi. E poi via verso Intragna, al Museo regionale delle Centovalli e del Pedemonte, per la mostra fotografica di Dona De Carli sulla storia e il palazzo di una famiglia di spazzacamini di Lionza, emigrati a Parma nel Seicento. In seguito, scendiamo in città. A Locarno, con la Semaine de la critique e i capolavori documentaristici nel cuore del Festival del film di Locarno, e al teatro Paravento dove andranno in scena gruppi svizzeri, italiani, francesi e messicano-cileni. E a Lugano, al Teatro Foce, con la pièce Bertolt’s Break, ispirata agli scritti del drammaturgo tedesco nel suo esilio californiano su temi come lo sradicamento e l’esilio. Ma pure a Massagno, con Tutti i colori del giallo, un classico appuntamento con la letteratura da brivido. Per i piccoli torna nel Luganese Il Maggiolino, festival per la prima infanzia con spettacoli, esposizioni e laboratori di danza. E alla fine dell’estate, fra le viuzze di Arzo, un gioiellino: il Festival di narrazione. Da non perdere.