toolbar

Claudia Crivelli
ha scritto il 08.01.2018


Cambiare o non cambiare?

Quanti auguri ci siamo scambiati in questo periodo appena trascorso di festività?!

Auguri di salute, buona lena, buon lavoro, amore, successo, fortuna e creatività e chi più ne ha più ne metta. Buone ricette e altrettanti manicaretti...ecco, sui manicaretti sorvoliamo: più se ne mangiano, e più velocemente vola via come un'allegra streghetta sulla sua scopa l'attenzione al conto calorico. E' un meccanismo psicologico ben conosciuto, lo stesso che spinge a comportarsi in maniera virtuosa in luoghi ben puliti, e a gettare più facilmente cartacce e mozziconi di sigaretta in parchi o strade trascurate: più si mangia, più si mangerebbe...mentre se si digiuna, diminuisce la brama di cibo. Fateci caso: alla terza tartina al salmone, alla seconda fetta di tronchetto natalizio, alla prima incursione in zona patatine, sul vassoio dei biscotti o nella scatola dei cioccolatini...siamo praticamente perduti. Che poi, tutti questi regali dolciari, di gourmet a chilometro zero e alcolici: vi ringrazio amici, se foste amici sinceri mi regalereste piuttosto una gamba di sedano o un cespo di lattuga...ai cioccolatini provvedo già egregiamente da sola, difatti cerco di svicolare dalle torri di offerte dei rimasugli natalizi nei supermercati Coop per non cadere in tentazione, e reiterare il danno fino a Pasqua abboffandomi di babbi Natale cioccolatosi fuori tempo massimo. Sono dibattuta: da un lato, mi viene da mandare i propositi di leggerezza a quel paese, e di mangiare allegramente e con gusto, soprattutto dopo qualche bella passeggiata tra la neve, rimettendo in pari la conta delle calorie perse, più qualche aggiunta perché etologicamente nei mesi freddi non si a mai, capitasse una carestia, una valanga che ci isoli dal mondo, un evento climatico estremo...E poi: l'altro giorno ero a tavola con amici. Ad un certo punto, una di noi si è sentita male ed è svenuta. Dopo averla soccorsa, ho terminato alla chetichella il mio bicchiere di buon vino per superare lo spavento e confortarmi intanto che c'è vita. D'altro canto, però, vorrei somigliare alla mia Anima interiore, una Diana cacciatrice esile come un'elfa e svettante tra i boschi, scattante e agile, dunque con almeno dieci chili meno della mia corazza esteriore. Ma poi penso che l'importante è avere l'energia, e la salute, e il piacere per la vita. Però da oggi prometto a me stessa un po' di moderazione, perché quando si corre leggeri nella vita ci si sente meglio, e perché le nostre immagini interiori ci parlano di noi ed esigono di essere portate alla luce.


Articolo precedente Guerre stellari
Articolo successivo Consigli paradossali

 

Commento (7)

Grazie per il vostro commento.

Questo commento ha un contenuto sgradevole?

Il testo sarà controllato ed eventualmente modificato o bloccato.

Il vostro commento

Non avete ancora scritto il commento.

Questo campo deve essere compilato. Grazie.

Campo obbligatorio
Questo campo deve essere compilato. Grazie.










Si prega di commentare nel rispetto della nostra netiquette e degli altri utenti.


Abbonarsi a questo blog:

Abbonarsi via e-mail:
Per favore correggete il vostro indirizzo e-mail


Per favore confermare


LEGGI ANCHE…


L'appuntamento quindicinale

Le analisi di Ceroni su Cooperazione

Parliamo d'arte

La rubrica "Il quadro" di Cooperazione