«Un choix de fromage», dallo stagionato
al fresco, tutto ticinese.

Scoprire e degustare
ai «Caseifici aperti»

Piaceri della tavola in armonia con il territorio. Alcuni suggerimenti, in attesa del 7 e 8 maggio, quando 19 caseifici aprono le porte. — di NATALIA FERRONI

«

Il formaggio va servito a temperatura ambiente  »

L’affascinante quanto complesso mondo del casaro si apre al pubblico curioso sabato e domenica, 7 e 8 maggio per degustare specialità casearie delicate, saporite, profumate, gradevolmente fresche o moderatamente piccanti. Con sentori di pascolo, d’erba, d’aria e di animali. Forse anche il profumo della fatica dei casari, perché si tratta per lo più di produzioni artigianali, basti pensare al formaggio d’alpe. Per esaltare al massimo aromi e caratteristiche delle eccellenze casearie ticinesi, presentiamo un breve «tour» per gli abbinamenti «felici»: suggerimenti partendo da nove prodotti caseari del nostro territorio, affinché il connubio tra formaggi e vini sia perfetto.

Indirizzi in tutto il Ticino
Il fine settimana del 7 e 8 maggio 2016, in occasione delle giornate dei caseifici aperti, rappresenta un’appetitosa occasione per conoscere la realtà casearia ticinese, per visitare 19 caseifici in meravigliose località del nostro cantone e per gustare una serie di prodotti d’eccellenza golosi e genuini. I caseifici che partecipano alla 3a edizione di caseifici aperti sono visibili all’indirizzo:


Cooperazione mette in palio (estrazione a sorte): 3 buoni acquisti presso l’azienda agricola Poma di Arosio; 10 pranzi presso il Caseificio dimostrativo del Gottardo di Airolo; 2 pranzi alla Colombera di S. Antonino; 1 forma di formaggio d’alpe di Fieud; 1 pranzo per due persone al Ristoro Alpino «la Furbeda» di Dandrio.

Clicca qui per partecipare!
TORNA AL MENU «REPORTAGE»
VAI ALLA SEZIONE «A TAVOLA»
TORNA ALL'HOMEPAGE

Commento (0)

Grazie per il vostro commento.

Questo commento ha un contenuto sgradevole?

Il testo sarà controllato ed eventualmente modificato o bloccato.

Il vostro commento

Non avete ancora scritto il commento.

Questo campo deve essere compilato. Grazie.

Campo obbligatorio
Questo campo deve essere compilato. Grazie.










Si prega di commentare nel rispetto della nostra netiquette e degli altri utenti.


ARTICOLI IN EVIDENZA



Un operatore sociale
con la videocamera

Il documentarista luganese Olmo Cerri ci parla del suo particolarissimo lavoro di ricerca sull’immigrazione italiana in Ticino.


*****

Il figlio di Ivan Graziani
si fa strada

Ecco Sala Giochi, il secondo album di Filippo, 36enne che cerca di seguire le orme del papà. Con discreto successo.

*****





Login con il profilo di Cooperazione

Chiudere
Fehlertext für Eingabe

Fehlertext für Eingabe

Dimenticato la password?