Conoscete i codici dei vostri partner?

Banali.  Il codice d’accesso più usato è «1234» con la variante «4321», seguono le date di nascite o di matrimonio…

  • Aumentare la sicurezza. Per rendere i codici più complessi basta poco, per esempio inserendo caratteri come «&», «%» o un punto di domanda o di esclamazione. Evitate un codice unico per tutte le carte o accessi a telefonini e computer.
  • Separare santi e fanti. I codici d’accesso dovrebbero essere conservati in un luogo sicuro e non assieme al computer, smart phone oppure carte di credito e affini. Ricopiare questi dati su un foglio che terrete a casa…
  • Ogni sei mesi. Per aumentare la sicurezza è consigliato cambiare le password due volte l’anno, specie quelle legate a carte di credito o a conti dove ci sono soldi.

I dati sono stati ottenuti con un sondaggio telefonico su 500 residenti in Ticino interpellati casualmente.

Commento (0)

Grazie per il vostro commento.

Questo commento ha un contenuto sgradevole?

Il testo sarà controllato ed eventualmente modificato o bloccato.

Il vostro commento

Non avete ancora scritto il commento.

Questo campo deve essere compilato. Grazie.

Campo obbligatorio
Questo campo deve essere compilato. Grazie.










Si prega di commentare nel rispetto della nostra netiquette e degli altri utenti.

LEGGI ANCHE…


L'appuntamento quindicinale

Le analisi di Ceroni su Cooperazione

Parliamo d'arte

La rubrica "Il quadro" di Cooperazione



Login con il profilo di Cooperazione

Chiudere
Fehlertext für Eingabe

Fehlertext für Eingabe

Dimenticato la password?