«Ho lavorato sulla fedeltà al testo»

L’arte della cover, cioè reinterpretare canzoni altrui, è impresa ardua. C’è il rischio di osare troppo, stravolgendo gli originali, o troppo poco, rileggendoli pedissequamente. — Diego Perugini

«

«Non ho voluto dire qualcosa di mio, ho lavorato sulla fedeltà al testo.»»

Francesco De Gregori

Francesco De Gregori ha scelto una saggia via di mezzo per un progetto caldeggiato da tempo, un omaggio a Dylan, suo punto di riferimento da sempre. E in De Gregori canta Bob Dylan. Amore e furto (Sony) l’approccio è rigoroso, fra affetto e rispetto. Le traduzioni in italiano non ammettono intrusioni: «Altrimenti avrei reso un pessimo servizio a Dylan», spiega il cantautore.

Anche suoni e arrangiamenti viaggiano su ben note trame «dylaniane», con lo stile e la voce di De Gregori a rendere tutto in un certo modo nuovo e personale. In scaletta nessun super classico («Sono così scolpiti nella memoria che non m’è venuto di toccarli»), ma brani meno noti, eppur significativi. Dalla dolcezza di Non dirle che non è così alla malinconica Non è buio ancora, sino all’aggiornamento rock di Via della povertà, tradotta nel 1974 con De André.

ARTICOLI PRECEDENTI

Commento (0)

Grazie per il vostro commento.

Questo commento ha un contenuto sgradevole?

Il testo sarà controllato ed eventualmente modificato o bloccato.

Il vostro commento

Non avete ancora scritto il commento.

Questo campo deve essere compilato. Grazie.

Campo obbligatorio
Questo campo deve essere compilato. Grazie.










Si prega di commentare nel rispetto della nostra netiquette e degli altri utenti.

LEGGI ANCHE…


L'appuntamento quindicinale

Le analisi e le opinioni di Ceroni su Cooperazione

Testo: Diego Perugini

Pubblicazione:
mercoledì 25.11.2015, ore 04:00


Login con il profilo di Cooperazione

Chiudere
Fehlertext für Eingabe

Fehlertext für Eingabe

Dimenticato la password?