Prima la cera e poi zac! uno strappo toglie tutto: Désirée Debrit all’opera. (Foto: Sandro Mahler)

Tutto liscio
da quelle parti?

Come disfarsi del tanto detestato «vello» che (non solo ma) soprattutto in estate risulta tanto inestetico? Abbiamo interrogato per voi una vera esperta in materia. — Giorgia Vonn Niederhausern

Ahi! Alzi la mano a chi un urletto non è mai scappato quando a casa o al centro estetico si stava preparando ad indossare tutti quei toppini, pantaloncini e bikini che in primavera scoprono tutte quelle zone che durante il freddo inverno restano più nascoste e (siamo sinceri) più trascurate. È la dura legge del pelo: chi ce l’ha deve toglierlo. Ma tra lametta, ceretta – calda, tiepida e fredda – pistole che sparano laser e sugaring (no, state calmi, non fa ingrassare) come trovare la giusta tecnica nell’irsuta giungla della depilazione... o epilazione?

«Si dice epilazione quando il pelo viene eliminato dal bulbo, mentre si parla di depilazione quando viene tolto solo superficialmente, quindi tagliato» ci spiega l’estetista AFC (con attestato federale di capacità) e da un anno membro del Comitato dell’Associazione estetiste della Svizzera italiana (AESI) Désirée Debrit, che ci accoglie al centro di bellezza Estetica Mare di Magliaso.
Debellare l’infestante massa pelosa non è un’esigenza nuova, anzi, è una pratica antica almeno quanto le piramidi, racconta l’esperta, che aggiunge: «La prima ceretta è stata inventata in Oriente ed era fatta di pasta di zucchero». Un metodo che si è diffuso un po’ ovunque, anche se, indica Désirée, ci sono differenze culturali: «La lotta al pelo superfluo è tipicamente latina. Le signore tedesche, ad esempio, se ne infischiano di più rispetto alle italiane se il loro corpo, in certe zone, rimane più peloso».

Chi ha paura dello strappo?
«Sono sempre di più gli uomini che richiedono il nostro servizio, anche se le donne restano le clienti più importanti» racconta l’estetista, che poi confessa: «Gli uomini hanno paura. Quelli a cui offro di fare una ceretta rispondono subito con un “No, fa male”, seguito – solo più tardi – da “E poi non sono mica una donna”». I clienti che frequentano Estetica Mare si suddividono in due gruppi, spiega ancora l’estetista: «Ci sono gli sportivi, che vengono ogni due mesi, e quelli che si preparano all’estate e desiderano epilarsi petto, schiena e ascelle solo in determinati periodi. Ma nessuno scende sotto alla vita», mentre tra le donne, soprattutto tra le più giovani, è in voga essere lisce ovunque, parti intime incluse. Le «acconciature» più richieste? «È amato il servizio completo... e a noi piace strappare!» dice ridendo la nostra estetista.

Tra tecniche antiche e moderne
Le armi più gettonate nella lotta ai peli restano rasoio e ceretta, dice Désirée, «ma anche la luce pulsata – detta anche laser – anche se in realtà questo può essere usato solo dai dermatologi, va sempre di più». Un metodo di ultima generazione, di cui finora non si conoscono effetti negativi importanti e che è considerato adatto per i più, ma che è da evitare assolutamente in caso di gravidanza, problemi cardiaci, o altri problemi salutari, consiglia la nostra esperta. Meglio chiedere prima il parere di un medico dunque.

Epilatore elettrico Braun Silk-épil 7681 7681, Fr. 129.90 invece di Fr. 189.90 (Promozione valida fino al 26 Aprile), Fust.
 
 
Braun Series 7-799cc wet&dry, Fr. 299.--, Interdiscount.
 
 
Veet Ceretta a freddo, Viso 10 x 2 pezzi, Fr. 10.90; Gambe e corpo, 20 pezzi, Fr. 11.90 nelle farmacie Coop Vitality.
 
 
Crema depilatoria Bikini & Achseln, Fr. 9.95 (100ml), Coop City.
 
 
Gillette Simply Venus 2, Monolama, Fr. 4.40 (4 Stück), Coop City.
 
 
Andrea crema sbiancante, Fr. 19.95 (70g), Coop City.
 
 
Wilkinson Quattro for women Bikini, Fr. 17.70, Coop City.
 
 
Apparecchio a luce pulsata Philips Lumea SC 1991/00. Erhältlich bei Fust.

Fino a 2,8 millimetri alla settimana: così tanto crescono i nostri peli (come indica l’infografico a pag. 62). Per eliminarli esistono diversi metodi. Scoprite quali sono i pro e i contro delle diverse tecniche secondo l’opinione della nostra estetista esperta e membro del Comitato dell’AESI Désirée Debrit.
Attenzione: in caso di eczema è sconsigliato qualsiasi metodo.

CERETTA  
La variante tiepida è quella più comune: si spalma la cera sciolta e la si strappa con una pezzuola. La ceretta calda si usa per zone piccole e si toglie direttamente con le mani. Quella a freddo è su strisce pronte all’uso che si scaldano tra le mani.
Pro: la cera a freddo è facile da usare a casa. La versione tiepida e quella calda con un solo strappo tolgono tutti i peli della zona da epilare.
Contro: Non è indolore ed è da evitare in caso di vene varicose o fragilità capillare. C’è il rischio che si formino peli incarniti: per evitarli è bene usare regolarmente un guanto di crine.

LAMETTA
Ovvero il classicissimo rasoio con cui si rasano i peli.
Pro: costa poco, è indolore e si passa velocemente ovunque.
Contro: i peli ricrescono velocemente (dopo tre giorni sono di nuovo visibili) e più forti.

LUCE PULSATA

A dipendenza della zona, dello spessore e del colore dei peli ci vogliono pulsazioni e un numero di sessioni diverse per eliminarli.
Pro: dopo le sedute necessarie il 75-95% dei peli sono eliminati in modo definitivo. Funziona molto bene sulle pelli chiare con peli scuri, perchè è la melatonina che viene letta e surriscaldata fino a dannegiare il follicolo (vedi l’infografico a pag. 62).
Contro: chi ha la pelle scura può bruciarsi o macchiarsi se l’apparecchio non è tarato adeguatamente.

PASTA DI ZUCCHERO

O «sugaring» è una tecnica orientale antica. Gli ingredienti di base sono acqua, zucchero e miele. Con questi si forma una pallina appiccicosa che si spalma e si tira strappando i peli dalla pelle.
Pro: è un metodo meno doloroso della ceretta.
Contro: bisogna passare più volte sulla stessa zona e saper maneggiare bene la pasta per avere l’effetto desiderato.

ELETTROCOAGULAZIONE

Una piccola scossa al bulbo del pelo viene data tramite un aghetto. Lo si usa per zone piccole come il viso.
Pro: a lungo andare il pelo smette di ricrescere.
Contro: causa leggero dolore.

EPILATORE ELETTRICO
Le sue pinzette rotanti estraggono il pelo dalla radice.
Pro: lascia una pelle liscia fino a tre settimane
Contro: può far più male della ceretta perché strappa solo da quattro a otto peli al passaggio. C’è il rischio che si formino peli incarniti.

CREMA DEPILATORIA

Fa cadere i peli là dove viene spalmata. È un metodo alternativo alla lametta.
Pro: è indolore
Contro: oltre ad avere le stesse controindicazioni della lametta, può causare irritazioni o allergie.

CREMA SBIONDANTE
Funziona come una tinta sbiondante sui peli del corpo.
Pro: è una buona variante indolore per le giovanissime che ancora non vogliono strappare i peli o vogliono evitare il rasoio.
Contro: rende porosi i peli e rende giallognolo il pelo nero. Inoltre, può causare irritazioni o allergie.


LEGGI ANCHE…


L'appuntamento quindicinale

Le analisi di Ceroni su Cooperazione

Parliamo d'arte

La rubrica "Il quadro" di Cooperazione

Pubblicazione:
martedì 07.04.2015, ore 08:00