Nicole e Fabio: «Questo sport è ancora troppo snobbato».

Di gobba in gobba

I fratelli Fabio e Nicole Gasparini sono nella nazionale svizzera di freestyle. E il piccolo di casa, Matteo, è pronto a seguirli.

Leggi la rubrica sportiva di Armando Ceroni.

Leggi la rubrica sportiva di Armando Ceroni.
http://www.cooperazione.ch/Di+gobba+in+gobba Leggi la rubrica sportiva di Armando Ceroni.

Sono i due fratelli del freestyle ticinese. Lui è Fabio, 19 anni, lei è Nicole, e di anni ne ha tre in meno. Di cognome fanno Gasparini, entrambi sono in nazionale, per la disciplina «gobbe», ed entrambi hanno trionfato ai campionati svizzeri, la scorsa stagione. E mentre Fabio sta cercando di guarire da un fastidioso problema al ginocchio, Nicole è già sulla neve da diverse settimane. «Per tutti e due – sottolinea la 16enne – il grosso obiettivo è rappresentato dai campionati mondiali juniori di Chiesa Valmalenco, a fine marzo. Lo scorso anno sono arrivata in finale, Fabio l’ha mancata per un soffio».

Ogni tanto si punzecchiano, i fratelli Gasparini di Cadro, tesserati per lo Sci Club Airolo e iscritti alla scuola per sportivi d’élite di Tenero. È soprattutto Fabio a fare incavolare Nicole. «Le dico che il livello maschile è molto più alto di quello femminile – spiega –. E lei se la prende. A parte tutto siamo molto legati, soprattutto quando si parla di sci». L’attrazione per la neve è una questione di famiglia in casa Gasparini. «Quando eravamo piccoli – dice Nicole – papà ci portava sempre a sciare». Ma il freestyle subentra solo più avanti, dopo le Olimpiadi invernali di Torino del 2006. «È in quel periodo – fa notare Fabio – che è stata aperta una scuola di free­sytle in Ticino, con i corsi estivi a Tenero e quelli invernali ad Airolo». I due fratelli non si lasciano sfuggire l’occasione. «Perché – precisa Nicole – questo sport un po’ strano, pieno di adrenalina, ci faceva impazzire».

Una discesa lunga circa 250 metri, una lunga serie di collinette, chiamate appunto «gobbe». E poi ancora una giuria composta da 5 giudici, che valutano tecnica, salti e velocità dell’atleta. Emozioni tutte da vivere. «E quando addosso hai la casacca della nazionale – sostiene Fabio – le sensazioni sono ancora più forti. Gareggiare per la Svizzera è qualcosa che ci rende orgogliosi». Nicole, che lo scorso anno ha pure chiuso al terzo posto la classifica generale di Coppa Europa, aggiunge: «Fare risultati in ambito internazionale è importantissimo. Perché solo così possiamo far capire alla federazione elvetica le potenzialità del freestyle. Per adesso questo sport è ancora troppo snobbato. Noi giovani abbiamo, dunque, una grande responsabilità». A proposito di giovani, c’è un terzo talento che sgomita in casa Gasparini. È Matteo, il fratellino minore. «Ha 14 anni, sta seguendo le nostre orme e si fa già rispettare» conclude Nicole.

www.fssi.ch

Commento (0)

Grazie per il vostro commento.

Questo commento ha un contenuto sgradevole?

Il testo sarà controllato ed eventualmente modificato o bloccato.

Il vostro commento

Non avete ancora scritto il commento.

Questo campo deve essere compilato. Grazie.

Campo obbligatorio
Questo campo deve essere compilato. Grazie.










Si prega di commentare nel rispetto della nostra netiquette e degli altri utenti.

Testo: Patrick Mancini

Fotografia:
Sandro Mahler
Pubblicazione:
lunedì 04.11.2013, ore 09:01


Login con il profilo di Cooperazione

Chiudere
Fehlertext für Eingabe

Fehlertext für Eingabe

Dimenticato la password?