Diana Krall, il fascino elegante del jazz

Stanchi del solito pop? Ecco un disco per palati fini e cuori romantici. Ce lo propone una star del jazz come Diana Krall, intenta a ricantare classici del repertorio americano in Turn Up The Quiet (Verve).

«Ho pensato a questi brani a lungo – spiega –. La compagnia di alcuni fra i miei migliori amici, anche sul piano musicale, mi ha permesso di raccontare queste storie esattamente nel modo che desideravo. A volte, si deve semplicemente far emergere il silenzio per essere sentiti meglio». Nelle 11 cover in scaletta, accompagnata da tre diverse (e ottime) formazioni, Krall lavora per sottrazione, giocando con pochi strumenti e mettendo al centro la sua voce calda e appena un po’ roca, molto sexy. Tante canzoni sentimentali, ma per nulla sdolcinate: la bellissima (e lunga) versione di Sway, la suadente Night & Day e l’orecchiabile L-O-V-E. Un album d’atmosfera, morbido e soffuso, ideale sottofondo per una cenetta a lume di candela o un’appassionata notte d’amore. 

Torna al menu «MUSICA»
Vai alla sezione «TEMPOLIBERO»
Torna all'HOMEPAGE

Commento (0)

Grazie per il vostro commento.

Questo commento ha un contenuto sgradevole?

Il testo sarà controllato ed eventualmente modificato o bloccato.

Il vostro commento

Non avete ancora scritto il commento.

Questo campo deve essere compilato. Grazie.

Campo obbligatorio
Questo campo deve essere compilato. Grazie.










Si prega di commentare nel rispetto della nostra netiquette e degli altri utenti.


ARTICOLI IN EVIDENZA



Un operatore sociale
con la videocamera

Il documentarista luganese Olmo Cerri ci parla del suo particolarissimo lavoro di ricerca sull’immigrazione italiana in Ticino.


*****

Il figlio di Ivan Graziani
si fa strada

Ecco Sala Giochi, il secondo album di Filippo, 36enne che cerca di seguire le orme del papà. Con discreto successo.

*****





Login con il profilo di Cooperazione

Chiudere
Fehlertext für Eingabe

Fehlertext für Eingabe

Dimenticato la password?