Ecco la piccola auto che vi farà impazzire di piacere

Tutto il brivido dell’aria tra i capelli in uno spazio ultra compatto: è la smart fortwo cabrio. - di ANDREAS FAUST

Quando si è fermi in fila la mattina, la costante è di una sola persona per auto. Anche nella mia. Se tutti decidessimo di riunirci e condividere in quattro persone la stessa auto, immediatamente il 75% delle vetture su strada risulterebbe superfluo. Quasi nessuno naturalmente accetterebbe, per molti l’auto rappresenta una sorta di «nido protettivo». In alternativa, si potrebbe optare per i mezzi di trasporto pubblici. Ecco perché il guru della Swatch Nicolas Hayek, 23 anni fa, ha avuto un’idea azzeccata: se non siamo disposti a condividere il nostro nido, tanto vale farlo più piccolo. Del suo concept originale in realtà non rimase più granché dopo la creazione della smart da parte del marchio Mercedes. Eppure la smart offre pur sempre due posti a sedere e spazio sufficiente per caricare due casse di acqua minerale. Nel frattempo è uscita sul mercato già la terza generazione, sviluppata in collaborazione con Renault Twingo. Ma la biposto resta una prerogativa della smart e, con la fortwo cabrio, diventa anche l’auto decappottabile per due più piccola in assoluto. Questa nanerottola di appena 2,70 metri non ha nulla di spartano. O meglio, più nulla. La casa madre Mercedes ha investito molto per migliorare gli interni con rivestimenti pregiati e sostituendo il vecchio cambio automatico con un moderno cambio a doppia frizione. 
La smart cabrio non si può aprire completamente: nel giro di 12 secondi la capote si ripiega sopra al bagagliaio, ma i telai dei finestrini posteriori restano fissi come struttura di protezione anti-ribaltamento. A me basta e avanza, perché così, anche a velocità elevate, sono protetto dal vento e, se minaccia di piovere, posso sempre richiudere il tettuccio in tessuto senza dovermi fermare. Quando si parcheggia, è tuttavia sempre meglio chiuderlo anche in caso di bel tempo, onde evitare un facile accesso al bagagliaio da parte di malintenzionati. La smart open air presenta nella versione base un motore a tre cilindri da 1 litro, sufficientemente brioso premendo un po’ sull’acceleratore - in tal modo, però, non raggiungerò mai i dati di consumo di fabbrica... In compenso, mi convince molto di più il nuovo comfort di questa city car rispetto ai modelli precedenti. 
Una nota di merito, in particolare, va al pacchetto Cool & Media al prezzo di 930 franchi con climatizzatore e sistema di navigazione e audio intuitivi. Solo la telecamera posteriore lascia un po’ perplessi: chiunque riesce a parcheggiare una smart anche negli spazi più ristretti  senza avere bisogno di questo optional. E se non fosse cosi? In tal caso, basta avere qualcun altro in auto al tuo fianco.

Partenze poco intelligenti

C’erano una volta le partenze intelligenti. Dopo aver scelto la destinazione e ottenuto dal capo il via libera per le vacanze, si cercava di pianificare nel modo migliore il viaggio in automobile per evitare di ritrovarsi imbottigliati dopo pochi chilometri. Generalmente si riusciva a schivare la coda sotto casa, ma poiché in troppi usavano la stessa tattica, alla fine ci si ritrovava bloccati nel tratto di autostrada più insospettabile. Le partenze intelligenti sono passate di moda. Restano le code che si creano ora un po’ ovunque. Raggiungono lunghezze che la maggior parte dei forzati del volante affronta con una pazienza che ammiro. Io non potrei farcela: pur amando i viaggi in automobile, la prospettiva di dover passare ore e ore inscatolato sotto il sole mi terrorizza. Va bene l’evento imprevedibile, ma per questi casi si rasenta la certezza: perché farsi del male da soli? Ci sono (quasi) sempre vie alternative, Passi alpini e strade secondarie. Armati della vecchia mappa o del moderno navigatore, fuggiamo dalla solita autostrada. Magari allungheremo il viaggio. Ma di certo scopriremo luoghi di cui ignoravamo l’esistenza.

TORNA AL MENU «AUTOMOBILI»
VAI ALLA SEZIONE «LIFESTYLE»
TORNA ALL'HOMEPAGE

Commento (0)

Grazie per il vostro commento.

Questo commento ha un contenuto sgradevole?

Il testo sarà controllato ed eventualmente modificato o bloccato.

Il vostro commento

Non avete ancora scritto il commento.

Questo campo deve essere compilato. Grazie.

Campo obbligatorio
Questo campo deve essere compilato. Grazie.










Si prega di commentare nel rispetto della nostra netiquette e degli altri utenti.

LEGGI ANCHE…


L'appuntamento quindicinale

Le analisi di Ceroni su Cooperazione

Parliamo d'arte

La rubrica "Il quadro" di Cooperazione



Login con il profilo di Cooperazione

Chiudere
Fehlertext für Eingabe

Fehlertext für Eingabe

Dimenticato la password?