Cresce sempre più l’offerta di energia elettrica da fonti alternative.

Energia: Intervista a Andrea Weick

Le aziende di distribuzione di energia elettrica offrono sempre più ecoprodotti. Andrea Weick, responsabile grandi clienti presso la Enerti SA di Rivera, illustra questi nuovi prodotti.

www.enerti.ch

Andrea Weick è un esperto di pacchetti energetici.

Le aziende di distribuzione di energia elettrica in Ticino puntano da qualche anno su «ecoprodotti tì». Che cosa significa questo label?
Da alcuni anni osserviamo una crescente attenzione dei consumatori verso i temi ambientali. Per rispondere a questa accresciuta sensibilità e allinearsi agli obiettivi posti da Confederazione e da Cantone, Enerti e Azienda elettrica ticinese, hanno sviluppato un portafoglio di prodotti di energia rinnovabile ed ecologica ticinese. tìacqua, tìna­tura e tìsole sfruttano in modo sostenibile le risorse presenti sul nostro territorio valorizzandole. Sono dei prodotti «Ticino made».

Quali sono le differenze fra tìaqua, tìsole e tìnatura?
Tutti e tre i prodotti sono ticinesi e certificati naturemade, il marchio di qualità per produzioni di energia da fonti rinnovabili ed ecologiche più riconosciuto in Svizzera. Il tìacqua è un prodotto «naturemade basic», certificato al cento per cento per essere prodotto da fonti rinnovabili. tìsole e tìnatura sono prodotti naturemade star, marchio riservato a produzioni rinnovabili che rispettano requisiti ecologici severi e completi.

Il consumatore che sceglie ad esempio tìsole, riceve veramente elettricità prodotta da energia solare?
L’energia presente in rete si miscela, per cui non è fisicamente possibile indirizzare una certa produzione verso una specifica «presa di corrente». La scelta di uno di questi prodotti garantisce però al cliente che un quantitativo di energia rinnovabile o ecologica almeno pari al suo consumo sia stato immesso nella rete. Quindi con tìsole il cliente ha la certezza che il suo consumo sia coperto da una produzione fotovoltaica, prevalentemente ticinese. Il giorno in cui tutti sceglieranno un prodotto rinnovabile/ecologico allora sì, il consumatore riceverà anche fisicamente solo energia certificata.

Per «ecoprodotti» si paga dì più. Questo vale anche per i consumatori ticinesi?
Trattandosi di prodotti di qualità ecologica e rinnovabile garantita hanno anche un maggior valore. Il costo supplementare di tìacqua per un’economia domestica tipo con consumi di 4.500kW/anno è di due franchi al mese. tìnatura e tìso­­le sono invece venduti a pacchetti.

Come si svolge la certificazione?
Le certificazioni naturemade sono rilasciate dall’Associazione per un’energia rispettosa dellʼambiente (VUE), che conta 180 membri tra organizzazioni ambientaliste, associazioni dei consumatori e aziende attive nel settore energetico. La certificazione è concessa a produzioni che rispettano severe direttive, verificate in modo indipendente.

La certificazione garantisce ad esempio che non venga usata energia nucleare per pompare acqua in un bacino?
A priori non lo si può escludere totalmente, ma la legge federale introduce il termine di produzione netta ecologica dove l’effetto del pompaggio è ridotto e limitato. Annualmente, l’auditor indipendente verifica le quantità nella contabilità energetica dell’impianto di produzione.

Il consumatore ticinese può scegliere di non avere ecoprodotti?
Sì, una disiscrizione è possibile una volta all’anno annunciandosi presso la propria Azienda Elettrica, ma non ovunque in Ticino. In alcuni comuni l’orientamento ecologico risponde a una precisa scelta politica e al consumatore non viene più offerta energia grigia.

È vero che tanti consumatori in Ticino non hanno scelto ecoprodotti?
In Ticino, come nel resto della Svizzera, i clienti che scelgono spontaneamente un prodotto ecologico sono ancora la minoranza. Ma la sensibilità sta cambiando, anche grazie alla promozione attiva portata avanti dalle aziende elettriche e a precise scelte di politica energetica. Oltre Gottardo questo trend ha preso piede già da alcuni anni.

Quanta energia elettrica consumata in Ticino oggi è ecologica?
Con tìacqua nel 2014 sono state rifornite circa 185mila economie domestiche, cioè oltre l’80%. Con tìnatura siamo a circa 2mila clienti, mentre con tìsole ancora all’inizio, ma fiduciosi. Per la fornitura a impianti industriali, le percentuali sono più basse; per molte aziende il prezzo gioca un ruolo fondamentale nella competitività e il legame del prodotto con il territorio non è così profondo.

Commento (0)

Grazie per il vostro commento.

Questo commento ha un contenuto sgradevole?

Il testo sarà controllato ed eventualmente modificato o bloccato.

Il vostro commento

Non avete ancora scritto il commento.

Questo campo deve essere compilato. Grazie.

Campo obbligatorio
Questo campo deve essere compilato. Grazie.










Si prega di commentare nel rispetto della nostra netiquette e degli altri utenti.

TESTO: Gerhard Lob
FOTO:  Massimo Pedrazzini

Pubblicazione:
lunedì 17.08.2015, ore 00:00


Login con il profilo di Cooperazione

Chiudere
Fehlertext für Eingabe

Fehlertext für Eingabe

Dimenticato la password?