Petra (33 anni), Emanuele (38 anni) e Diego (6 mesi) hanno dovuto imparare a conoscersi
e soprattutto ad avere ruoli ben definiti nella famiglia. (Foto: Nicolas de neve, Alamy, mad)

La famiglia Raho e i suoi compromessi

Per la famiglia Raho sono stati soprattutto i primi mesi dopo la nascita del piccolo Diego ad essere problematici. Tutto è migliorato con regole e distribuzione dei compiti chiari.  JASMINA SLACANIN

Petra e Emanuele Raho, trentenni in coppia da più di sette anni e sposati da tre, conducevano una vita felice, fatta di lunghi viaggi, di uscite e di dormite fino a tardi. Da poco più di sei mesi, questa fase della loro vita fa ormai parte del passato. Da quando una tempesta di nome Diego è piombata nella loro vita rendendo ogni compito più complicato, e ogni notte più corta. «È una vera rivoluzione esistenziale», afferma Emanuele. «Ci abbiamo messo del tempo per trovare un equilibrio di coppia».
I primi mesi sono i più difficili. «All’inizio vivevo nella paura, avevo l’impressione di sbagliare tutto perché Diego piangeva molto. Mi dicevo che mio figlio non mi amava e la frustrazione mi portava quasi ad avercela con mia moglie», confida il papà. «La mancanza di sonno, l’allattamento, la fatica dopo un parto cesareo e Diego che si svegliava ogni due ore… Per fortuna che lavoro nel mondo del make-up e so nascondere le occhiaie», spiega sorridendo Petra, che oggi esercita la sua occupazione al 60%, principalmente a Zurigo. Mentre lui, suo marito, è insegnante a tempo pieno a Moutier. Lo scorso febbraio, la coppia ha acquistato una casa a Lyss, un buon compromesso per i due pendolari. Ma, per non farsi mancare nulla, il trasloco ha avuto luogo contemporaneamente alla nascita di Diego. «Quando penso a quel periodo, ho come una zona d’ombra nella mente», lamenta il giovane padre. Nella coppia è emersa qualche tensione durante i primi mesi dall’arrivo del piccolo. «Quando Emanuele rientrava dal lavoro, volevo subito lasciargli Diego perché ero esausta dopo aver passato tutta la giornata con lui. Non capivo che anche Emanuele era stanco e che aveva bisogno di un po’ di tempo per recuperare.
Ma nella nostra coppia i litigi hanno vita breve, perché comunichiamo molto». «Noi abbiamo stabilito una grande regola: mai litigare davanti a Diego, una regola che rispettiamo al 97%», aggiunge il papà.

Suddivisione dei compiti
Durante la settimana, Petra resta due giorni a casa con Diego. Gli altri tre giorni, a prendersene cura sono i nonni materni e paterni che lo tengono ciascuno a casa loro (a Bienne e a Lyss). Una buona suddivisione dei compiti è essenziale. La mamma stira la biancheria, papà rasa l’erba e per il resto, ciascuno dà il suo contributo. «L’importante, e questo lo abbiamo capito col tempo,
è che nessuno dei due guardi l’altro attivarsi senza fare niente», aggiunge Petra. «Bisogna essere molto organizzati», insiste il papà. «Se non si è organizzati prima dell’arrivo del bambino, è molto consigliabile seguire dei corsi di preparazione».

Avevamo sottovalutato l’energia che richiede un bambino e non eravamo preparati a una simile fatica. Ma basta che Diego ci guardi e ci sorrida per dimenticare tutto», conclude la coppia, realizzata, che già prevede di mettere in cantiere anche un secondo bambino.

Assortimento Coop My Baby

L’assortimento Coop di pannolini My Baby propone una vasta gamma di taglie che va dai neonati ai bambini fino a 25 kg. I pannolini My Baby Gr.2 Mini, per i bebè da 3 a 6 kg, sono dotati di una chiusura che si adatta alla morfologia del bambino. Un velo morbido dirige l’urina e le feci liquide verso il nucleo del pannolino e una barriera anti fuoriuscita è garantita giorno e notte. Un indicatore di umidità permette di sapere quando è ora di cambiare il pannolino. Per i bimbi da 14 a 25 kg, i pannolini a mutandina My Baby Gr.6 Extra Large sono morbidissimi, senza lattice naturale e con bordi anti-fuoriuscita.

My Baby taglia 4 Maxi contiene 40 pezzi. Ogni confezione in vendita a fr. 10.95




My Baby taglia 5 Junior 38 pezzi. Ogni confezione in vendita a fr. 10.95.

TORNA AL MENU «SPECIALE BIO 2017»

Commento (0)

Grazie per il vostro commento.

Questo commento ha un contenuto sgradevole?

Il testo sarà controllato ed eventualmente modificato o bloccato.

Il vostro commento

Non avete ancora scritto il commento.

Questo campo deve essere compilato. Grazie.

Campo obbligatorio
Questo campo deve essere compilato. Grazie.










Si prega di commentare nel rispetto della nostra netiquette e degli altri utenti.

LEGGI ANCHE…


L'appuntamento quindicinale

Le analisi e le opinioni di Ceroni su Cooperazione



Login con il profilo di Cooperazione

Chiudere
Fehlertext für Eingabe

Fehlertext für Eingabe

Dimenticato la password?