I Rolling Stones a tutto blues

«Eravamo predicatori del blues. E, in fondo, è quello che ancora stiamo facendo»: così Mick Jagger sintetizza il senso di Blue & Lonesome (Polydor), l’ultimo lavoro dei Rolling Stones.  — DIEGO PERUGINI

Un cd dove i nostri eroi, ormai ultrasettantenni, tornano alle origini. A quando, poco più che ragazzi, suonavano blues nei club e nei pub inglesi.
E proprio quell’atmosfera si respira in questo album ruspante e appassionato, registrato in soli tre giorni a Londra. In copertina spicca l’iconica lingua ridipinta di blu, mentre in scaletta ritroviamo una sporca dozzina di cover anni Cinquanta e Sessanta di autori come Howlin’ Wolf, Jimmy Reed e Willie Dixon, con un sound ruvido e senza fronzoli. Tra gli ospiti, Eric Clapton. Ecco i singoli Hate To See You Go e Ride ‘Em On Down, fino alla conclusiva I Can’t Quit You Baby con una grande prova vocale di Mick Jagger.
Un disco fuori dal tempo e dalle mode, dove la band britannica sembra ritrovare lo smalto e la gioia di fare musica.

Torna al menu «MUSICA»
Vai alla sezione «TEMPOLIBERO»
Torna all'HOMEPAGE

Commento (0)

Grazie per il vostro commento.

Questo commento ha un contenuto sgradevole?

Il testo sarà controllato ed eventualmente modificato o bloccato.

Il vostro commento

Non avete ancora scritto il commento.

Questo campo deve essere compilato. Grazie.

Campo obbligatorio
Questo campo deve essere compilato. Grazie.










Si prega di commentare nel rispetto della nostra netiquette e degli altri utenti.

LEGGI ANCHE…


L'appuntamento quindicinale

Le analisi di Ceroni su Cooperazione

Parliamo d'arte

La rubrica "Il quadro" di Cooperazione



Login con il profilo di Cooperazione

Chiudere
Fehlertext für Eingabe

Fehlertext für Eingabe

Dimenticato la password?