Il pop scanzonato
dei Saint Motel

Era il 2015 e una sconosciuta band californiana sbancava le classifiche di mezzo mondo con My Tipe, tormentone pop dall’irresistibile riff di sassofono.  — DIEGO PERUGINI

I Saint Motel ritentano ora il colpo sulla lunga distanza di un cd, Saintmotelevision (Warner), che conferma la loro vena scanzonata e divertita. Ecco, allora, il singolo Move, che ricalca un po’ troppo la falsariga della precedente hit, mentre Destroyer accentua il ritmo in chiave dance-rock. You Can Be You è un mid-tempo dall’accattivante «fischio» nel ritornello, Local Long Distance Relationship vira sul funk leggero, ma il meglio sta nel gospel-pop di Born Again, con un testo a doppia lettura su un amico «cristiano rinato». Curiosa For Elise, con tanto di citazione beethoveniana, dedicata alle donne che hanno ispirato i musicisti. Chiusura agrodolce con la ballata semiacustica Happy Accidents, unico «lento» in scaletta. Saintmotelevision è un album gradevole e disimpegnato, da ascoltare in auto o all’aperitivo con gli amici.

Torna al menu «MUSICA»
Vai alla sezione «TEMPOLIBERO»
Torna all'HOMEPAGE

Commento (0)

Grazie per il vostro commento.

Questo commento ha un contenuto sgradevole?

Il testo sarà controllato ed eventualmente modificato o bloccato.

Il vostro commento

Non avete ancora scritto il commento.

Questo campo deve essere compilato. Grazie.

Campo obbligatorio
Questo campo deve essere compilato. Grazie.










Si prega di commentare nel rispetto della nostra netiquette e degli altri utenti.


ARTICOLI IN EVIDENZA



Un operatore sociale
con la videocamera

Il documentarista luganese Olmo Cerri ci parla del suo particolarissimo lavoro di ricerca sull’immigrazione italiana in Ticino.


*****

Il figlio di Ivan Graziani
si fa strada

Ecco Sala Giochi, il secondo album di Filippo, 36enne che cerca di seguire le orme del papà. Con discreto successo.

*****





Login con il profilo di Cooperazione

Chiudere
Fehlertext für Eingabe

Fehlertext für Eingabe

Dimenticato la password?