I pazzi video di "Porno Mario"

Freestyle skate: Mario Steinemann gode di stima e rispetto a livello internazionale. Ecco i segreti della sua fama. — PATRICK MANCINI          

È l’unico svizzero a competere a livello internazionale nel freestyle skate. Lui è Mario Steinemann, 31enne informatico di Tenero. E si presenta come uno skater atipico. «Non sono un nerd – dice –. Spesso i freestytle skater sono introversi. A me piace intrattenere la gente. Pensate che in giro per il mondo mi hanno ribattezzato “Porno Mario” per le mie disavventure sessuali che spesso racconto in occasione di gare e raduni».

Mario è uno che negli ambienti dello skate gode di stima e rispetto. Sia per i suoi risultati, su tutti il secondo posto agli Europei del 2010 e il quinto posto al Mondiale del 2014, sia per le prodezze che sfoggia sul suo canale YouTube. «Alcuni miei video superano le 200mila visualizzazioni. Il freestyle skate è una disciplina basata sull’estro e sulla fantasia dell’atleta. Si pratica su una superficie piana, senza ringhiere o altri ostacoli come accade invece nello streetskate. È una versione primitiva di questo sport. In Svizzera era molto in voga negli anni ’80. Poi si è persa, in favore di altre varianti. Tanto che oggi nel nostro Paese non ci sono gare serie di freestyle. Mi tocca viaggiare. Dagli Stati Uniti alla Svezia, passando per il Giappone».

Mario, che ha iniziato la sua carriera sportiva perché affascinato dal videogioco Tony Hawk’s Pro Skater 2, è solito allenarsi da solo in Piazza del Sole a Bellinzona o al Centro sportivo di Tenero. «Il mio prossimo grande obiettivo è quello di partecipare agli Europei, in programma dal 7 al 9 luglio in Germania. Sempre col sorriso».


Foto: Massimo Pedrazzini

TORNA ALLA SEZIONE «SPORT» DI COOPERAZIONE

Commento (0)

Grazie per il vostro commento.

Questo commento ha un contenuto sgradevole?

Il testo sarà controllato ed eventualmente modificato o bloccato.

Il vostro commento

Non avete ancora scritto il commento.

Questo campo deve essere compilato. Grazie.

Campo obbligatorio
Questo campo deve essere compilato. Grazie.










Si prega di commentare nel rispetto della nostra netiquette e degli altri utenti.


ARTICOLI IN EVIDENZA



Un operatore sociale
con la videocamera

Il documentarista luganese Olmo Cerri ci parla del suo particolarissimo lavoro di ricerca sull’immigrazione italiana in Ticino.


*****

Il figlio di Ivan Graziani
si fa strada

Ecco Sala Giochi, il secondo album di Filippo, 36enne che cerca di seguire le orme del papà. Con discreto successo.

*****



Testo: Patrick Mancini

Foto: Massimo Pedrazzini

Pubblicazione:
domenica 30.04.2017, ore 00:00


Login con il profilo di Cooperazione

Chiudere
Fehlertext für Eingabe

Fehlertext für Eingabe

Dimenticato la password?