In queste botti è nascosto oro

VALLESE - Il Domaine du Mont d’Or si distingue nel mondo della viticoltura vallesana come pioniere del Sylvaner e non solo.

In terra vallesana vi è un vitigno a bacca bianca che produce meraviglie: si tratta dello Johannisberg. Questo vitigno non rappresenta che il 4% delle viti coltivate in Vallese, su una superficie totale di circa 300 ettari. Il vigneto che l’ha accolto per la prima volta nel 1880 lo ospita in parte ancora oggi, è il Domaine Mont d’Or di Sion. Mont d’Or non è una tenuta come tutte le altre: 24 ettari di vigneti di un solo proprietario, 200 terrazze, 15 chilometri di muretti a secco, 15 vitigni, 200 000 bottiglie all’anno, 67% della tenuta coltivata a varietà a bacca bianca, la metà del quale è rappresentato dallo Johannisberg. «Produciamo uno Johannisberg secco nonché un vino stramaturo», spiega Simon Lambiel, direttore del Domaine du Mont d’Or dal 1991. «Due o tre volte ogni dieci anni effettuiamo una selezione degli acini intaccati da muffe nobili, i cosiddetti grains nobles, ovvero il fior fiore della vendemmia, per produrre un vino molto esclusivo». Oltre alla qualità, dal lato umano, si punta al futuro. Florence Troger, 25 anni, è cantiniera nella prestigiosa maison da ormai 3 anni. «È il nostro astro nascente», sottolinea Lambiel. «Scommettere sui giovani talenti significa anche portare uno sguardo innovativo sulla viticoltura di domani». Sophie Dürrenmatt

 

Sapidità ed equilibrio

Rigorosamente a conduzione familiare, l’azienda vitivinicola Tamborini di Lamone è dal 1978 che si dedica alla vinificazione di uve ticinesi per la produzione dei suoi vini. Sono circa 30 gli ettari di vigneto, coltivati in alcune delle migliori zone a vocazione viticola del Canton Ticino. La produzione integrata dà origine a vini che sono la pura espressione di un territorio in cui il Merlot è protagonista. Ne è un esempio il Bianco di Merlot Ticino DOC Poggio Solivo che, con il suo color giallo oro tenue, sprigiona piacevoli aromi di prugne mature e mele cotogne. Sapido, delicato e ben equilibrato, accompagna aperitivi, antipasti e pollame, nonché i tipici affettati.





In Vallese, dietro il nome Johannisberg si nasconde il vitigno Silvaner. È chiamato anche «Gros Rhin» o semplicemente «Grüner» ed è il secondo più coltivato nel Cantone. Il Silvaner (in tedesco) o Sylvaner (in francese) produce uve a bacca bianca ed è molto diffuso nelľAssia Renana, in Franconia e nel Palatinato. I vini che si ottengono sono freschi e profumati, con una buona acidità. Nel Württemberg, in Germania, ne esiste anche una variante a bacca nera, il Blauer Silvaner. 

Commento (0)

Grazie per il vostro commento.

Questo commento ha un contenuto sgradevole?

Il testo sarà controllato ed eventualmente modificato o bloccato.

Il vostro commento

Non avete ancora scritto il commento.

Questo campo deve essere compilato. Grazie.

Campo obbligatorio
Questo campo deve essere compilato. Grazie.










Si prega di commentare nel rispetto della nostra netiquette e degli altri utenti.



Login con il profilo di Cooperazione

Chiudere
Fehlertext für Eingabe

Fehlertext für Eingabe

Dimenticato la password?