Jake Bugg: un eclettico talento

Folgorante talento della scena britannica, Jake Bugg a soli 22 anni si ritrova fra le mani grande successo e considerazione della critica. — DIEGO PERUGINI

Ma anche il peso di aspettative importanti per il terzo disco, On My One (Universal), che già dal titolo rivela un approccio creativo più solitario e indipendente. «O la va o la spacca» ha dichiarato il cantautore di Nottingham a proposito di questo cd breve ed eclettico, piuttosto maltrattato dalla stampa inglese. Il (condivisibile) motivo sta nell’eccessivo saltabeccare fra stili e generi: il folk nudo e crudo degli inizi, dominante nel suo stile (con Bob Dylan e Neil Young fra i numi ispiratori), lascia al posto a contaminazioni discutibili nel rap di Ain’t No Rhyme, nel soul-pop di Never Wanna Dance e nel roboante singolo Gimme The Love. Per fortuna esiste ancora il «vecchio» Bugg, meglio a fuoco nel blues ruspante della «title track» e di Hold On You, nella ballata romantica Love, Hope and Misery e nel rockabilly di Put Out The Fire.

Torna al menu «MUSICA»
Vai alla sezione «TEMPOLIBERO»
Torna all'HOMEPAGE

Commento (0)

Grazie per il vostro commento.

Questo commento ha un contenuto sgradevole?

Il testo sarà controllato ed eventualmente modificato o bloccato.

Il vostro commento

Non avete ancora scritto il commento.

Questo campo deve essere compilato. Grazie.

Campo obbligatorio
Questo campo deve essere compilato. Grazie.










Si prega di commentare nel rispetto della nostra netiquette e degli altri utenti.

LEGGI ANCHE…


L'appuntamento quindicinale

Le analisi di Ceroni su Cooperazione

Parliamo d'arte

La rubrica "Il quadro" di Cooperazione



Login con il profilo di Cooperazione

Chiudere
Fehlertext für Eingabe

Fehlertext für Eingabe

Dimenticato la password?