Kiwi, la frutta
esotica è vicina

L'INTERATTIVO — Da anni, per la gioia dei consumatori a «km 0», il kiwi è coltivato in Svizzera, anche rispettando gli standard biologici.

Carne di capra

Fabrizio Quadranti

Ci sono belle novità per la carne di capra. Fino a poco tempo fa, era apprezzatissima nel periodo pasquale (classico capretto) e gustata come affettato, con il «violino» (carne secca). Poi, grazie al meritorio impegno ed entusiasmo di esercenti curiosi di storia gastronomica delle valli – Verzasca in primis –, ecco arrivare i cicitt (presidio slow Food) e la «cavra buida». Due leccornie che andavano ripescate e rivisitate. Tant’è che ora vi sono rassegne dedicate in esclusiva alla capra e ristoranti che si caratterizzano proprio con e per queste proposte. Siamo stati all’ Osteria Ferriroli di Contra, un indirizzo giustamente noto per l’attenzione che dà alla carne. Dire che la cena è stata squisita è poco. Ottimi i cicitt e più buona ancora la cavra buida, servita con le salse del bollito e con una sostanza che, cotta per almeno sei ore, ha acquistato sapore e consistenza. Per tacere del fatto che è stata servita con ossa e tutto quanto: i golosi sanno cosa qui si sottintende. Ma la capra non trova traduzione nella sola carne. C’è anche il latte, dunque dessert (ricordiamo ancora una panna cotta…) e soprattutto formaggi. Ma per questo ci vorrebbe un’altra puntata.

Commento (0)

Grazie per il vostro commento.

Questo commento ha un contenuto sgradevole?

Il testo sarà controllato ed eventualmente modificato o bloccato.

Il vostro commento

Non avete ancora scritto il commento.

Questo campo deve essere compilato. Grazie.

Campo obbligatorio
Questo campo deve essere compilato. Grazie.










Si prega di commentare nel rispetto della nostra netiquette e degli altri utenti.

Testo: Elisa Pedrazzini
Foto:
Alain intraina

Pubblicazione:
lunedì 01.12.2014, ore 09:00


Login con il profilo di Cooperazione

Chiudere
Fehlertext für Eingabe

Fehlertext für Eingabe

Dimenticato la password?