1 von 4


Quest’anno, la «Stramangiada» inizia a Le Prese e termina a Poschiavo.

Formaggi d’alpe da gustare a «Mangia e cammina» in val Bedretto.

La «Mangiabiasca» si terrà il 19 settembre.

Per festeggiare i 10 anni della «Stramangiada» sarà organizzata una «scucunada» da record.

L’appetito vien… camminando

Gli appuntamenti festosi per stare insieme e degustare prodotti tipici della regione riscontrano sempre maggiore successo.

Vinci i biglietti della Stramangiada. Clicca qui!

Allegria, compagnia, piatti autentici della cucina regionale e un paesaggio che, percorrendolo a piedi, acquista tutt’un altro valore. Le passeggiate enogastronomiche, anche se davanti casa, riscuotono sempre più successo, tanto che le iscrizioni sono più numerose del numero di partecipanti ammesso. Insomma, un appuntamento festoso e spensierato che convince grandi e piccini.

«Ritengo che il successo delle passeggiate enogastronomiche – racconta Elia Frapolli, direttore di Ticino Turismo – vada a ricollegarsi, da un lato, al desiderio della gente di prendersi il tempo per riscoprire il territorio con i suoi molteplici prodotti genuini e i sapori autentici. Dall’altro, vi è l’aspetto della mobilità lenta: la possibilità di passeggiare immersi in paesaggi suggestivi tra boschi, borghi storici e vigneti che permettono di staccare dai frenetici ritmi quotidiani, offrendo così l’opportunità di vivere una giornata in un ambiente che invita alla contemplazione e al relax». E subito dopo prosegue: «Paesaggio e offerta enogastronomica dipendono uno dall’altro. Ed è proprio tale mix che rende particolarmente interessante e ghiotto questo tipo di offerta».

Mangia e cammina sugli alpi
Prendiamo l’esempio della Mangia e cammina sugli alpi in val Bedretto, con partenza all’alpe di Cruina verso Cioss Prato, per un percorso di otto chilometri e un dislivello di 500 metri in discesa, ma sempre «in alta quota». La fatica della passeggiata viene alleviata dai quattro punti di ristoro presenti lungo il percorso, dove i partecipanti possono fortificarsi con una colazione contadina, gustare i formaggi dell’alpe della valle che stanno percorrendo, assaggiare l’ottima salumeria nostrana, per poi concludere con un pranzo in comune. Se poi la compagnia è buona, il «virus» delle passeggiate goderecce «prende» subito.

Mangiabiasca
Düi pass, üm bicér e üm bocòn è il motto della Mangiabiasca, lanciata con successo l’anno scorso. «L’itinerario di circa cinque chilometri – spiega Gabriella Rossetti, segretaria del comitato organizzativo www.mangiabiasca.ch – parte dall’arsenale e si snoda tra pineta, paese e santa Petronilla con otto tappe, tra colazione di benvenuto, spuntini vari e pranzo finale. Eccetto la birra e il caffè, tutto quanto offriamo è prodotto a Biasca e dintorni. Da noi, fino alle 16 si può mangiare e bere a volontà, oppure partecipare unicamente al pranzo a base di polenta, mortadella cotta e cruda, vino e formaggi vari. Siamo fieri di almeno due cose: siamo un comitato di volontari che fa collaborare 14 società locali in un solo giorno, e – così ci hanno detto i partecipanti – per 50 franchi sono partiti belli sazi e soddisfatti».

Stramangiada e scucunada
E poi, andando nei Grigioni italiano, troviamo la Stramangiada di Poschiavo con i suoi 2mila partecipanti, la passeggiata con più anni di esperienza di questi tre esempi, perché giunta alla sua decima edizione.

L’importante traguardo verrà festeggiato con un evento da… guinness, come anticipa Elvezio Lardi, tra i suoi promotori. «Il giorno prima della passeggiata del 5 luglio, organizziamo una scucunada da record: stappare 1014 bottiglie, come i metri sul mare di Poschiavo, in contemporanea entro 30 secondi. Ce la faremo a trovare 1014 idealisti come noi?». A vigilare sugli «stappatori» ci saranno gli arbitri venuti da Londra e i droni che filmano dall’alto, mentre il ricavato dei 20 franchi d’iscrizione andrà in beneficienza. Sono quindi aperte le iscrizioni su lascucunada.blogspot.ch, un modo simpatico e nello spirito goliardico delle passeggiate enogastronomiche, per sottolineare i 10 anni di Stramangiada.

Commento (2)

Grazie per il vostro commento.

Questo commento ha un contenuto sgradevole?

Il testo sarà controllato ed eventualmente modificato o bloccato.

Il vostro commento

Non avete ancora scritto il commento.

Questo campo deve essere compilato. Grazie.

Campo obbligatorio
Questo campo deve essere compilato. Grazie.










Si prega di commentare nel rispetto della nostra netiquette e degli altri utenti.

Testo: Natalia Ferroni
Foto: mad, ETiCinforma.ch
Pubblicazione:
lunedì 01.06.2015, ore 10:00


Login con il profilo di Cooperazione

Chiudere
Fehlertext für Eingabe

Fehlertext für Eingabe

Dimenticato la password?