toolbar

Daniele Pini
ha scritto il 11.06.2018


La campagna di Russia

L’umiltà, la tenacia caparbia tipica dei montanari, la disciplina, lo spirito critico, la grande attenzione riservata alla formazione dei giovani, il notevole grado di integrazione offerto a chi viene da fuori.

Queste alcune qualità riconosciute universalmente al nostro paese. Un elenco lungi dall’estero esaustivo, ma che indubbiamente è una buona base per capire il successo di questa “Willensnation”. Sono virtù non nuove, anzi: si può indubbiamente dire che hanno ormai superato il secolo di vita. Eppure, gran parte del benessere raggiunto dal nostro paese è stato costruito su queste basi.

Eppure se ora applichiamo queste stesse
categorie al mondo del calcio, per tanti anni, decenni, la Svizzera è stata una squadra di bravini, che ci metteva indubbiamente impegno, che ogni tanto riusciva a fare barricata anche contro avversari di prestigio: come non ricordare le molte “sconfitte onorevoli” della nostra Nazionale?

Per far sì che i rossocrociati diventassero una squadra rispettata e anche un po’ temuta dagli avversari, abbiamo però dovuto spedire i nostri campioncini a fare gavetta in tornei più duri
e qualificati rispetto al nostro campionato svizzero. I nostri “mercenari”, quando indossano
la maglia rossocrociata, hanno ora una marcia in più rispetto al passato. O almeno lo speriamo
e lo auguriamo ai 23 uomini di Petkovic per l’imminente “campagna di Russia”. Costruire sul gruppo e puntare sugli spunti dei singoli. E se poi ci mettiamo un po’ di fortuna…


Articolo precedente Il fascino dell'ignoto

 

Commento (0)

Grazie per il vostro commento.

Questo commento ha un contenuto sgradevole?

Il testo sarà controllato ed eventualmente modificato o bloccato.

Il vostro commento

Non avete ancora scritto il commento.

Questo campo deve essere compilato. Grazie.

Campo obbligatorio
Questo campo deve essere compilato. Grazie.










Si prega di commentare nel rispetto della nostra netiquette e degli altri utenti.


Abbonarsi a questo blog:

Abbonarsi via e-mail:
Per favore correggete il vostro indirizzo e-mail


Per favore confermare


LEGGI ANCHE…


L'appuntamento quindicinale

Le analisi di Ceroni su Cooperazione

Parliamo d'arte

La rubrica "Il quadro" di Cooperazione