1 von 6


Foto aerea del porto di Basilea, uno dei punti nevralgici del trasporto.

I container hanno rivoluzionato i trasporti merce.

Un’esposizione in cui si apprende in modo interattivo...

... ma dove anche toccare con mano e giocare sono permessi, anzi consigliati.

L’emozione di stare dietro al volante di un carrello elevatore gigante.

La capitale della mobilità

Anche il settore «cargo» ha il suo fascino. Scopriamolo a Lucerna dove un museo dedicato illustra in un'esposizione tutta nuova come la logistica gestisce i flussi di merce.

Che sia un chilo d’arance, un’auto, una tanica di benzina o una radio, quando ci serve qualcosa non dobbiamo far altro che andare in negozio e comprarcelo. Come arrivano sino a noi le merci che acquistiamo? Il Museo dei Trasporti di Lucerna si è proposto di approfondire l’argomento, realizzando un’esposizione speciale che permette ai visitatori di sbirciare dietro le quinte del mondo della logistica e dei trasporti nel nostro Paese.

Il Museo ha scelto di allestire l’esposizione all’interno di 40 container, un’attrezzatura che ha letteralmente rivoluzionato i trasporti. Mentre in passato le diverse forme di imballaggi impedivano un trasporto più o meno razionale delle merci, oggi la formula magica del 6 x 2.4 x 2.6 ha aperto nuovi orizzonti. Sono le misure standard in tutto il mondo di un container. L’unica eccezione riguarda gli aerei per i quali i container non devono superare le dimensioni della sezione di un Airbus 340. «In termini di quantità, i trasporti per via aerea sono più modesti rispetto a quelli via mare, pur presentando in termini di valore un’incidenza maggiore», spiega Fabian Eschmann, manager eventi del Museo dei Trasporti.

Alcuni pezzi concessi da diverse aziende logistiche permettono ai visitatori di capire meglio quali sono le merci trasportate, i luoghi dalle quali queste provengono e le modalità attraverso le quali giungono fino a noi. I più curiosi sono senza dubbio quelli forniti dalle autorità doganali che, con il loro operato, svolgono in tutto il mondo un ruolo di fondamentale importanza nel settore dei trasporti. Protetti da un vetro sono esposti orologi, hashish, oro in tante forme, armi e munizioni. Una «Parata navale» ripercorre le tappe dell’evoluzione del trasporto via mare. «Tra l’Albula – costruita per 900 container – e i più moderni mercantili con 16.000 container sono passati solo 30 anni», spiega Eschmann.

I visitatori dell’esposizione hanno anche la possibilità di divertirsi, grazie a proposte interattive. Potranno provare un carrello elevatore e rendersi conto di quanta sensibilità sia necessaria per condurlo. I più esperti potranno sedersi al posto di guida di un reach stacker (un carrello elevatore in formato XXL) di 80 tonnellate in grado di sollevare con il suo braccio niente poco di meno che un container da 40 tonnellate. Nella «Kids Cargo» i piccoli visitatori potranno giocare con container, treni, carrelli elevatori, navi o marciapiedi mobili e tanti altri strumenti per il trasporto in formato ridotto.

Con questa esposizione, il Museo dei Trasporti non si prefigge solo di tessere le lodi del traffico merci senza confini, ma persegue anche un intento sociale: sullo stand di Biovision – una fondazione per lo sviluppo ecologico – i visitatori possono capire quanto siano ecologiche o dannose per l’ambiente le loro abitudini d’acquisto. Fino al 20 ottobre 2013 potranno sfidare personaggi famosi a chi fa la spesa più sostenibile.

coop.ch/hellofamily
verkehrshaus.ch/it

Dagli inizi del 2013, Coop è il principale partner del Museo Svizzero dei Trasporti di Lucerna. Con questa collaborazione, i due partner intendono sfruttare sinergie e impegnarsi a vicenda per proporre al pubblico accattivanti offerte appositamente studiate per le famiglie. Il primo risultato di questa collabora-zione è un’offerta sconto del 20% sul biglietto d’ingresso per tutti i soci Hello Family. Ulteriori informa-zioni sul club Hello Family sono disponibili al sito web: www.coop.ch/hellofamily

Commento (0)

Grazie per il vostro commento.

Questo commento ha un contenuto sgradevole?

Il testo sarà controllato ed eventualmente modificato o bloccato.

Il vostro commento

Non avete ancora scritto il commento.

Questo campo deve essere compilato. Grazie.

Campo obbligatorio
Questo campo deve essere compilato. Grazie.










Si prega di commentare nel rispetto della nostra netiquette e degli altri utenti.

Testo: Franz Bamert

Fotografia:
Urs Flüeler
Pubblicazione:
martedì 28.05.2013, ore 00:00


Login con il profilo di Cooperazione

Chiudere
Fehlertext für Eingabe

Fehlertext für Eingabe

Dimenticato la password?