La musica Jazz degli «Zezel»

Ne avevamo parlato (bene) un paio d’anni fa, all’uscita del disco d’esordio Inversione di tendenza. — Diego Perugini

Torniamo ora a tessere le lodi dei ticinesi Zezel Group alla luce di un secondo capitolo, Poink (Suisa), che rilancia con maggior maturità la loro eclettica ricetta musicale.
Emilio Castorina e soci non temono di miscelare stili e generi, giocando sul terreno della fantasia e dell’improvvisazione jazz, con un gusto per la sperimentazione che non diventa mai troppo cerebrale o fine a se stessa. Chiaro, qui non siamo di fronte a un gruppo di pop leggero come i Modà e i brani degli Zezel, tutti strumentali, richiedono un ascolto più raccolto e attento. Ma niente paura, anzi. Ecco, allora, gli echi psichedelici/progressive di Hinni, i ritmi esotici di Danza Danza, la chitarra lancinante di Nino, i sapori jazz-rock anni Settanta della lunga Krimeo Konnection, la vena soffusa di How Far Is Chicago, con un assolo stile Santana. Di tutto e di più, insomma, fra pregevoli intrecci sonori, buone melodie e ritmi avvincenti. E per chi volesse sentirli dal vivo: il 14 novembre al teatro Paravento di Locarno.

ARTICOLI PRECEDENTI

Commento (0)

Grazie per il vostro commento.

Questo commento ha un contenuto sgradevole?

Il testo sarà controllato ed eventualmente modificato o bloccato.

Il vostro commento

Non avete ancora scritto il commento.

Questo campo deve essere compilato. Grazie.

Campo obbligatorio
Questo campo deve essere compilato. Grazie.










Si prega di commentare nel rispetto della nostra netiquette e degli altri utenti.

LEGGI ANCHE…


L'appuntamento quindicinale

Le analisi di Ceroni su Cooperazione

Parliamo d'arte

La rubrica "Il quadro" di Cooperazione

Testo: Diego Perugini

Foto: mad (messa a disposizione)

Pubblicazione:
lunedì 19.10.2015, ore 00:00


Login con il profilo di Cooperazione

Chiudere
Fehlertext für Eingabe

Fehlertext für Eingabe

Dimenticato la password?