Castelgrande: presepi da 50 paesi

Fino all’8 gennaio Castelgrande a Bellinzona ospita  250 presepi di tutto il mondo della collezione del museo Krippenwelt di Stein am Rhein (SH). Con il sostegno di Coop cultura. 

Dalla Natività in miniatura in una scatola di fiammiferi a quella dell’Amazzonia con Giuseppe e Maria che sembrano due divinità azteche, fino al presepe polacco con il diavolo sopra la capanna a simboleggiare il comunismo… Queste «opere d’arte» si possono ammirare a Castelgrande a Bellinzona, grazie alla mostra «Il mondo dei presepi», che presenta 250 scene della Natività di 50 paesi, provenienti dal museo Krippenwelt di Stein am Rhein (canton Sciaffusa).

Il bavarese Alfred Hartl (61 anni) con il suo presepe preferito


L’artefice di questo evento è il bavarese Alfred Hartl, 61 anni, con studi in teologia e filosofia. La sua famiglia, durante quattro generazioni, ha raccolto un patrimonio unico di presepi, che lui ha ceduto alcuni anni fa al museo di Stein am Rhein e che oggi – una parte della collezione – è esposta a Castelgrande. «Questa mostra non vuole essere uno spazio profano di artigianato etnico», sottolinea e ammonisce il signor Hartl. «Deve essere soprattutto l’occasione per riflettere sull’universalità di Gesù, su come ogni popolo del mondo rappresenti la propria fede cristiana attraverso il presepe, con i suoi significati teologici e di storia dell’arte». A Bellinzona, quindi, anche attraverso visite guidate, è possibile comprendere la molteplicità dei simboli religiosi e artistici della Natività. Dal presepe degli indiani d’America, ambientato in una tenda, al perché nelle Ande peruviane le figure hanno il collo lungo come i lama. Quali sono i presepi preferiti del signor Hartl presenti qui a Castelgrande? «Ne scelgo due. Per ragioni estetiche mi piace quello della Tanzania: la rappresentazione è minimalista e simbolica. Con la Madonna e il Bambino distesi su una stuoia all’ombra di una palma, e i datteri che servono a nutrire Gesù. Ma il presepe che mi tocca intimamente – dice con un po’ di commozione – è quello francese con le figure in sasso, decorate e intarsiate. In particolare la statua della Madonna che tiene Gesù tra le braccia in modo protettivo, a esprimere il legame materno. I miei genitori hanno voluto proprio questo simbolo sulla loro tomba».

Commento (0)

Grazie per il vostro commento.

Questo commento ha un contenuto sgradevole?

Il testo sarà controllato ed eventualmente modificato o bloccato.

Il vostro commento

Non avete ancora scritto il commento.

Questo campo deve essere compilato. Grazie.

Campo obbligatorio
Questo campo deve essere compilato. Grazie.










Si prega di commentare nel rispetto della nostra netiquette e degli altri utenti.


ARTICOLI IN EVIDENZA



Un operatore sociale
con la videocamera

Il documentarista luganese Olmo Cerri ci parla del suo particolarissimo lavoro di ricerca sull’immigrazione italiana in Ticino.


*****

Il figlio di Ivan Graziani
si fa strada

Ecco Sala Giochi, il secondo album di Filippo, 36enne che cerca di seguire le orme del papà. Con discreto successo.

*****





Login con il profilo di Cooperazione

Chiudere
Fehlertext für Eingabe

Fehlertext für Eingabe

Dimenticato la password?