toolbar

Claudia Crivelli
ha scritto il 13.06.2018


La palma della solitudine

Ho posizionato una sdraio sotto la palma, in luogo strategico, lontana dagli sguardi e dai richiami familiari, di telefonia mobile e fissa, di vicini, amici e conoscenti...e conto di trascorrervi il maggior tempo possibile, senza libri, giornali, nè bevande: nulla che non sia la quiete.

La realtà è che sono un po' arrabbiata, e devo leccarmi le ferite per smaltire la rabbia, e non lasciare che desertifichi tutto il resto incendiando il terreno psichico, come è nella sua natura fare. Sono arrabbiata, sostanzialmente, per il tempo che passa, e poi trovo futili motivi per giustificare il mio dolore. Vedo una donna della mia età che accompagna in carrozzina la sua anziana madre e mi sento defraudata perchè non ho nessuno da accompagnare. E' sciocco e infantile, e basterebbe rimboccarsi le maniche trovando un volontariato sociale, ma quando si è arrabbiati ce ne infischiamo delle buone soluzioni razionali: ciò che vogliamo è crogiolarci nella nostra frustrazione, trovando stampelle sulle quali appoggiare la nostra autocommiserazione. Poi, vado ai compleanni delle mie amiche storiche e mi viene il nervoso, perchè mi sento simile ai loro figli e vorrei giocare con loro, mentre logicamente so il posto che mi tocca, e allora per ripicca inizio io per prima a parlare dei nipoti che desideriamo, dei controlli per le malattie, di luoghi nei quali trascorrere la pensione. Belle prospettive del cavolo!...è tutto ciò che ci aspetta? A cinquant'anni, siamo ancora distanti dalla fine di tutto, eppure l'aria che tira è di smobilitazione, di disillusione, di rinuncia ai grandi ideali sperando in un quieto vivere da vecchietti assennati, con i loro viaggi e i piccoli lussi e i dannati chef stellati per provare qualche emozione. Naturalmente, non è tutto nero: anzi, è un periodo molto denso di eventi e di incontri, di cose belle, di natura, concerti, cene all'aperto e soddisfazioni sul piano familiare, lavorativo e di frequentazioni. Ma, nel fondo, c'è questa rabbietta scoppiettante, che mi tocca tenere a bada per non farla diventare un incendio. Quando mi vengono le fasi "tutto è disperazione e morte", meglio che me ne vada sotto la mia palma a coccolare lo spirito ascoltando gli uccelli e lasciando sedimentare i pensieri. Inutile parlare, consolarsi con facili rimedi (gratificazioni, acquisti, possibili amanti, parrucchieri, progetti): avere il coraggio di fronteggiare la pesantezza e la disperazione del vivere, per poi emergerne con maggiore profondità. E anche con una rinnovata allegria e leggerezza: conto di ritrovarle, perchè è da quando ho sedici anni che mi sento questo peso del tempo che passa, della vecchiaia che incombe, dell'umana solitudine. Poi passa, quando passa.


Articolo precedente Le professioni dei genitori

 

Commento (2)

Grazie per il vostro commento.

Questo commento ha un contenuto sgradevole?

Il testo sarà controllato ed eventualmente modificato o bloccato.

Il vostro commento

Non avete ancora scritto il commento.

Questo campo deve essere compilato. Grazie.

Campo obbligatorio
Questo campo deve essere compilato. Grazie.










Si prega di commentare nel rispetto della nostra netiquette e degli altri utenti.


Abbonarsi a questo blog:

Abbonarsi via e-mail:
Per favore correggete il vostro indirizzo e-mail


Per favore confermare


LEGGI ANCHE…


L'appuntamento quindicinale

Le analisi di Ceroni su Cooperazione

Parliamo d'arte

La rubrica "Il quadro" di Cooperazione