Il cuore di Sara: «Questo cane era spacciato, io l'ho fatto rinascere»

Doghy è un cucciolone, un meticcio incrocio pastore bergamasco, trovato in valle Morobbia da una coppia che lo ha adottato per la vita. — AMELIA VALSECCHI JORIO

«Fa freddo, siamo in novembre. Non so dove mi trovo, probabilmente in montagna. Sono arrivato qui davanti alla porta di una stalla. Sono tutto intorpidito, e il mio corpo trema per il freddo, ma ho anche tanta paura. Fa quasi buio. Ci sono due persone che percorrono la strada sottostante, ma per fortuna non mi notano. Sono raggomitolato e cerco di restarmene immobile il più possibile. Forse riesco a sparire, mimetizzandomi tra i colori della stalla.
Ma, ahimè! Una donna, con lo sguardo attento, si è accorta della mia presenza ed ora avanza lentamente verso di me, sono sicuro, mi ha visto! Non posso scappare, sono troppo indolenzito.


Lei tenta di accarezzarmi, ma non mi lascio toccare. Si avvicina con fare gentile, ma ho così tanta paura che le mostro i denti. Si gira e sparisce nella notte. Avrà capito che non voglio essere preso e tantomeno toccato. Poco dopo però, riappare con qualcosa in mano: sono biscotti per cani! Si avvicina di nuovo. Questa volta non posso resistere, ho troppa fame e sono stanco. Divoro in fretta un biscotto e mi lascio accarezzare. Mi trattengo dal ringhiare forte, lo faccio sottovoce, ma per fortuna non mi sente. Qualcuno la chiama, il suo nome è Sara. Con lei arriva un uomo, è alto, anche lui sembra gentile. Ha in mano una coperta, mi ci avvolge, mi prende in braccio e mi porta al caldo, davanti al camino nella loro casa. Sono entrambi felici che io stia bene, mi osservano, vedono che mi riprendo. Sorridono. Incominciano le ricerche del mio padrone*, ma purtroppo restano vane. Sara e Max non vogliono lasciarmi in un canile, e quindi decidono di adottarmi. Mi chiamo Doghy e oggi ho quattordici anni».


Quando si trova un cane bisogna verificare se è munito di microchip. I veterinari, la polizia e i rifugi per animali hanno gli apparecchi di lettura. Oppure notificare il ritrovamento all’ufficio d’annuncio cantonale:

https://www.ch.ch/it/animale-da-compagnia-smarrito



Volete farci conoscere il vostro animale da compagnia?

Scrivete a:
Redazione Cooperazione,
Animali, casella postale 2550,
4002 Basilea

oppure per email:
cooperazione@coop.ch

Torna al menu «Animali»
Vai alla sezione «Famiglia»
Torna all'Homepage


ARTICOLI IN EVIDENZA



Un operatore sociale
con la videocamera

Il documentarista luganese Olmo Cerri ci parla del suo particolarissimo lavoro di ricerca sull’immigrazione italiana in Ticino.


*****

Il figlio di Ivan Graziani
si fa strada

Ecco Sala Giochi, il secondo album di Filippo, 36enne che cerca di seguire le orme del papà. Con discreto successo.

*****