Lana Del Rey: «Honeymoon»

Piaccia o non piaccia, Lana Del Rey è quel che si dice un personaggio. Misteriosa, languida, con un appeal che ricorda le dive hollywoodiane anni Cinquanta. — Diego Perugini

E una musica che mescola malinconia e sensualità, torbide atmosfere e melodie suadenti. La voce, poi, fa il resto: sexy e romantica al tempo stesso, drammatica nel raccontare storie d’amore e di morte. L’altra faccia del sogno americano, insomma. In questo Honeymoon (Universal) viene accentuata la dimensione più notturna e sognante, per un disco che viaggia fra atmosfere noir e tristezze dell’animo, con predominanza assoluta di ballate lente e suggestive.

Da Honeymoon a Music To Watch Boys To, sino all’esperimento (riuscito) trip hop di High By The Beach e all’esotica Salvatore, dove Lana snocciola qualche parola in italiano. I fan lo ameranno perdutamente, gli altri (come noi) lo troveranno alla lunga un po’ noioso. Poco convincente la chiusura con un’esangue cover del classico Don’t Let Me Be Misunderstood: ascoltare per credere lo struggente originale di Nina Simone.

ARTICOLI PRECEDENTI

Commento (0)

Grazie per il vostro commento.

Questo commento ha un contenuto sgradevole?

Il testo sarà controllato ed eventualmente modificato o bloccato.

Il vostro commento

Non avete ancora scritto il commento.

Questo campo deve essere compilato. Grazie.

Campo obbligatorio
Questo campo deve essere compilato. Grazie.










Si prega di commentare nel rispetto della nostra netiquette e degli altri utenti.

LEGGI ANCHE…


L'appuntamento quindicinale

Le analisi e le opinioni di Ceroni su Cooperazione

Testo: Diego Perugini

Foto: mad (messa a disposizione)

Pubblicazione:
mercoledì 30.09.2015, ore 01:00


Login con il profilo di Cooperazione

Chiudere
Fehlertext für Eingabe

Fehlertext für Eingabe

Dimenticato la password?