Lena: «Mi alleno venti ore a settimana». (foto: Massimo Pedrazzini)

Lena Gyöngi: ritmici si diventa

LO SPORT — Ha solo dieci anni, ma è una delle promesse della ginnastica ritmica nazionale. Leggi anche «L'angolo» di Armando Ceroni!

A dieci anni è già una rivelazione. Perché la ginnastica ritmica è una disciplina precoce, certo. Ma anche perché lei ha tanto, tantissimo, talento. Lena Gyöngy di Cavigliano, vice campionessa ticinese nel 2014, da quest’anno fa parte anche delle speranze della nazionale. E ora punta con convinzione alle finali dei campionati svizzeri che si disputeranno nella prossima primavera.

«Mi sto allenando duramente, venti ore a settimana» ci confida con una certa timidezza. Mesi e mesi di sudore e fatica presso il centro regionale Ticino, a Losone. Poi le competizioni, concentrate in pochi, ma cruciali, appuntamenti di prestigio, sparsi tra febbraio e giugno. «Non è facile restare tra le migliori in Svizzera. Due volte all’anno devo andare a Macolin per fare dei test. Mi controllano il peso, l’altezza, guardano come faccio gli esercizi, verificano se sono ancora allo stesso livello, se peggioro o se miglioro».

Un monitoraggio a 360 gradi da parte dei responsabili della Federazione. E una bimba che vuole confermare il suo posto nei quadri nazionali. «Mi voglio davvero concentrare» sostiene convinta la ragazzina che frequenta la quinta elementare a Verscio. E poi elenca le sue particolarità. «Adoro il corpo libero, ma mi trovo bene anche con vari attrezzi. Con la palla, con il cerchio, con la fune. Stiamo preparando nuovi esercizi e sono seguita quotidianamente dalle mie allenatrici. Sto facendo tanti sacrifici».


    Patrick mancini

TORNA ALLA SEZIONE «SPORT» DI COOPERAZIONE

Commento (0)

Grazie per il vostro commento.

Questo commento ha un contenuto sgradevole?

Il testo sarà controllato ed eventualmente modificato o bloccato.

Il vostro commento

Non avete ancora scritto il commento.

Questo campo deve essere compilato. Grazie.

Campo obbligatorio
Questo campo deve essere compilato. Grazie.










Si prega di commentare nel rispetto della nostra netiquette e degli altri utenti.

Testo: Patrick Mancini

Foto: Massimo Pedrazzini

Pubblicazione:
lunedì 08.12.2014, ore 10:00


Login con il profilo di Cooperazione

Chiudere
Fehlertext für Eingabe

Fehlertext für Eingabe

Dimenticato la password?