Lizz Wright: gospel in stato di “grazia”

Tormentoni estivi? No grazie, qui si viaggia in una dimensione più elegante e di spessore. — DIEGO PERUGINI

Lizz Wrigth, 37enne della Georgia, è cresciuta cantando il gospel in chiesa per poi scoprire (e studiare) jazz e blues. Ha una voce forte ed espressiva, al servizio di brani in equilibrio fra tradizione e modernità.


Così anche in Grace (Concord), il suo sesto cd, dove riscopre le proprie radici con l’aiuto di un produttore doc come Joe Henry. Ecco l’avvincente blues acustico Barley e la ballata da brividi Seems I’m Never Tired Of Lovin’ You (già di Nina Simone) con organo e coro. Più incalzante il gospel tradizionale Singin My Soul, con assoli di chitarra e piano, mentre What Would I Do (omaggio a Ray Charles) è un altro lento suggestivo. La “title track” è morbida e pensosa, Every Grain Of Sand (di Bob Dylan) un incontro poetico di country e blues. Un ottimo lavoro, che sarebbe stato indimenticabile con un paio di ballate in meno e qualche pezzo più veloce in scaletta.

Torna al menu «MUSICA»
Vai alla sezione «TEMPOLIBERO»
Torna all'HOMEPAGE

Commento (0)

Grazie per il vostro commento.

Questo commento ha un contenuto sgradevole?

Il testo sarà controllato ed eventualmente modificato o bloccato.

Il vostro commento

Non avete ancora scritto il commento.

Questo campo deve essere compilato. Grazie.

Campo obbligatorio
Questo campo deve essere compilato. Grazie.










Si prega di commentare nel rispetto della nostra netiquette e degli altri utenti.


ARTICOLI IN EVIDENZA



Un operatore sociale
con la videocamera

Il documentarista luganese Olmo Cerri ci parla del suo particolarissimo lavoro di ricerca sull’immigrazione italiana in Ticino.


*****

Il figlio di Ivan Graziani
si fa strada

Ecco Sala Giochi, il secondo album di Filippo, 36enne che cerca di seguire le orme del papà. Con discreto successo.

*****





Login con il profilo di Cooperazione

Chiudere
Fehlertext für Eingabe

Fehlertext für Eingabe

Dimenticato la password?