Rösti con Roquefort e pere sciroppate al rosmarino. Un pasto al di sotto di 3 franchi a persona? Fattibile!


Menu low cost: la qualità che non fa piangere il portafogli

Come rispettare il budget senza rinunciare ad un’alimentazione equilibrata e gustosa? Chinarsi tra gli scaffali, mangiare prima di comperare… Non occorre stravolgere le abitudini, anche con piccoli accorgimenti avrete un notevole risparmio annuale. — Christa Hürlimann/Nadine Bauer

Al più tardi allo scoccare della mezzanotte del 31 dicembre, tutti noi ci siamo ripromessi di rimetterci in riga dopo le abbuffate delle festività. Vogliamo essere più attenti a quanto spendiamo. Ursula Grimm-Hutter, presidente di Budget consigli Svizzera, l’organizzazione cappello che raggruppa 34 uffici di consulenza in budget in Svizzera (www.budgetberatung.ch), ci indica come e dove poter risparmiare.

Si comincia dal frigorifero e dalla dispensa. Forse abbiamo ancora degli avanzi dei pranzi delle feste, o addirittura un cesto regalo di prodotti alimentari. A chi desidera risparmiare, Ursula Grimm consiglia di esaminare l’insieme delle provviste e di ordinarle in base alla scadenza. Quindi, creare un piano settimanale dei menu, il quale preveda un pranzo o una cena a base di avanzi.

Tutti i membri della famiglia devono essere coinvolti nella programmazione, perché, come spiega l’esperta, rafforza lo spirito di comunità. Inoltre: «Preparare pasti semplici e freschi fa parte della cultura generale».
Per i single l’ideale sarebbe evitare le grandi spese e fare acquisti più volte la settimana e solo in caso di necessità.

Stilare una lista della spesa precisa    
È importante informarsi sulle promozioni già prima di fare la spesa. «Ma attenzione – avverte Ursula Grimm – non sempre le promozioni sono vantaggiose. Spesso le marche proprie sono più convenienti dei prodotti di marche famose». Per confrontare i prezzi la cosa migliore è basarsi sul prezzo al chilogrammo. Per risparmiare è infine cruciale la composizione del menu. Ursula Grimm consiglia di rinunciare qualche volta in più a menu costosi a base di carne, pesce e formaggi e quando si sceglie la carne, evitare di prendere proprio il filetto. Patate, pasta, leguminose, riso e altri cereali abbinati a verdure condite con gusto costituiscono un pasto completo. Un programma dei menu vario, con il giusto apporto di verdura e frutta, ha anche un altro vantaggio: «Spesso consente di fare a meno di integratori alimentari costosi, come quelli vitaminici». Gli ingredienti di stagione freschi, inoltre, sono più convenienti dei piatti pronti oppure semi-preparati, che contengono additivi indesiderati.

Chinarsi durante la spesa    
Anche i risparmiatori più preparati, una volta in negozio, possono rischiare di spendere più del dovuto, attratti da un’offerta speciale o da un nuovo allettante dolcetto. In più la sera, dopo il lavoro, lo stomaco brontola e qualsiasi cosa ci fa gola. Ecco perché Ursula Grimm, sorridendo, consiglia: «Non andate a fare la spesa quando avete fame!». E poi: «Chinatevi! I prodotti convenienti spesso sono negli scaffali più bassi. All’altezza dello sguardo si trovano, invece, le alternative più costose».

Bere l’acqua di rubinetto
È possibile risparmiare anche in casa. La bevanda più conveniente, ad esempio, è l’acqua di rubinetto, e anche il più semplice dei pasti può essere esaltato se servito su una tavola apparecchiata con cura. Inoltre, è consigliabile cucinare i piatti più elaborati in grandi quantità e conservarli al fresco per consumarli nei tre-quattro giorni successivi. In questo modo non serve usare il congelatore, che comporterebbe un consumo di corrente aggiuntivo. E come ha suggerito l’esperta sin dall’inizio: «Controllate regolarmente le provviste e create dei piatti in base a ciò che avete».

L’App per far quadrare il bilancio
Chi vuole monitorare le uscite durante tutto l’anno dovrebbe definire un budget mensile ben preciso per le spese, proporzionato al reddito, quindi suddividerlo in porzioni settimanali. Per tenere sotto controllo il bilancio famigliare possono essere utili un registro contabile o l’App «Budget CH» di Budget consigli Svizzera. In questo modo avrete la possibilità di mangiare in modo sano con un budget limitato. Richiede unicamanente una riflessione e una pianificazione a parte.

COME RISPARMIARE

  • Controllate regolarmente le provviste e create dei piatti in base a ciò che avete.
  • Definite un programma settimanale dei menu.
  • Utilizzate ingredienti freschi di stagione, più convenienti dei piatti pronti.
  • Definite un budget per le spese.
  • Per confrontare i prezzi la cosa migliore è basarsi sul prezzo al chilo.
  • Spesso le marche proprie sono più convenienti dei prodotti di marche famose.
  • La bevanda più conveniente? L’acqua di rubinetto!
  • Non andate a fare la spesa quando avete fame.




Rösti con Roquefort e pere sciroppate al rosmarino

Per 4 persone
Tempo di preparazione:
ca. 40 min.

Ingredienti

  • 200 g di Roquefort
  • 50 g di zucchero
  • 60 g di burro
  • 4 rametti di rosmarino
  • 2 pere, pelate, dimezzate per il lungo, senza torsolo
  • succo di ½ limone
  • 1 kg di patate a pasta soda, pelate e grattugiate finemente
  • un po’ di sale
  • ca. 1 dl di olio da arrostire


Preparazione
Preriscaldare il forno a 90 °C.Sbriciolare il Roquefort, mettere da parte. Caramellare 20 grammi di zucchero, aggiungere metà del burro e i rametti di rosmarino per ca. 4 min., mettere da parte.
Fondere il burro e lo zucchero rimanenti, aggiungere il succo di limone e le pere e cuocere a fuoco basso per ca. 10 min. finché la frutta acquisirà un aspetto dorato.
Formare con le mani umide 8 medaglioni di patate grattugiate, salare e rosolare da ambe le parti. Mettere al caldo nel forno i medaglioni di patate già cotti fino a concludere la cottura di tutti i rösti.

Servire: Sistemare tra due medaglioni di patate un po’ di Roquefort sbriciolato e coprire i rösti con la pera sciroppata al rosmarino.  

Variante: Servire della crème fraîche al posto del Roquefort.selvatico.

Linguine con zucca e Amaretti

Per 4 persone
Tempo di preparazione:
ca.35 min.

Ingredienti

  • 3 c di olio d’oliva
  • 1 cipolla, tagliata a fette sottili
  • ca. ½ peperoncino, tagliato finemente
  • ca. 600 g di zucca mondata, tagliata con il pelapatate a fettine sottili
  • Sale e pepe
  • 250 g di pasta lunga (ad es. linguine)
  • ca. 4 c di olio d’oliva, da aggiungere a crudo se piace
  • 1 amaretto di 70 g (di Betty Bossi), sbriciolato


Preparazione
Rosolare nell’olio d’oliva la cipolla e il peperoncino per ca. 10 min. Aggiungere la zucca e lasciare soffriggere per altri 10 minuti. Salare e pepare. Cucinare al dente la pasta e aggiungerla con cura nella padella del soffritto. Concludere, se piace, con qualche goccio di olio d’oliva a crudo. Servire nei piatti caldi e decorare con l’amaretto sbriciolato.

Commento (0)

Grazie per il vostro commento.

Questo commento ha un contenuto sgradevole?

Il testo sarà controllato ed eventualmente modificato o bloccato.

Il vostro commento

Non avete ancora scritto il commento.

Questo campo deve essere compilato. Grazie.

Campo obbligatorio
Questo campo deve essere compilato. Grazie.










Si prega di commentare nel rispetto della nostra netiquette e degli altri utenti.

LEGGI ANCHE…


L'appuntamento quindicinale

Le analisi di Ceroni su Cooperazione

Parliamo d'arte

La rubrica "Il quadro" di Cooperazione



Login con il profilo di Cooperazione

Chiudere
Fehlertext für Eingabe

Fehlertext für Eingabe

Dimenticato la password?