Marilù, i sogni, il
tango e un segreto

Nel romanzo d’esordio Due vite un solo ballo (ed. Fontana), la luganese Linda Rimoldi mette in scena la vita di una donna, Marilù, appassionata lettrice di libri, sognatrice e depositaria di un segreto che non può rivelare

Una storia che è in buona parte autobiografica (lo dichiara l’autrice nella pagina dei ringraziamenti). Marilù è una persona che sogna ad gli occhi aperti, ma che sa correre anche il rischio di sperimentare, cercare risposte ai suoi dilemmi esistenziali fino a cambiare le sue abitudini di vita. Come quando lascia le confortanti certezze di Lugano per trasferirsi a Buenos Aires, con l’ambizione di diventare una tanguera. Finché arriva il momento in cui la sua vita «si divide tra un prima e un dopo». Anche se Marilù è la protagonista assoluta, Due vite un solo ballo è un romanzo corale, ricco di personaggi.

LEGGI ANCHE…


L'appuntamento quindicinale

Le analisi di Ceroni su Cooperazione

Parliamo d'arte

La rubrica "Il quadro" di Cooperazione