Matrimonio
in salsa orientale

Michele Mazzoleni, Alfonsina Storni, Fabiana Pizzali. Ecco alcune delle storie di ticinesi volati in Asia per seguire le ragioni del proprio cuore... — Mattia Bertoldi

Secondo un recente sondaggio condotto da «Zurich» in 12 Paesi, spirito di avventura e amore sono le due ragioni che più spingono gli svizzeri a emigrare all’estero. Lo dimostra il caso di Michele Mazzoleni, 29 anni di Bigorio, che nell’estate del 2007 ha lasciato il Ticino e si è trasferito a Londra. «Lì ho conseguito un Master in economia presso la London School of Economics, seguito da un dottorato stavolta a Baltimora, negli Stati Uniti d’America, alla Johns Hopkins University. L’anno scorso ho infine trovato lavoro in una società di gestione finanziaria a Newport Beach, a sud di Los Angeles».

Oggi Michele Mazzoleni vive con la moglie Sarah — coreana — a Newport  Beach, a sud di Los Angeles. Si sono spostati a Seoul nel 2013 con una cerimonia non religiosa ma che segue i rituali tradizionali del Paese.

Oggi Michele Mazzoleni vive con la moglie Sarah — coreana — a Newport  Beach, a sud di Los Angeles. Si sono spostati a Seoul nel 2013 con una cerimonia non religiosa ma che segue i rituali tradizionali del Paese.
http://www.cooperazione.ch/Matrimonio+in+salsa+orientale Oggi Michele Mazzoleni vive con la moglie Sarah — coreana — a Newport  Beach, a sud di Los Angeles. Si sono spostati a Seoul nel 2013 con una cerimonia non religiosa ma che segue i rituali tradizionali del Paese.

L’estate del 2013 è stata una stagione di grandi cambiamenti per il giovane ticinese. Oltre alla nuova avventura professionale in California, anche il matrimonio: «Qui in America ho conosciuto una donna meravigliosa originaria della Corea del Sud che ho sposato a Seoul. Abbiamo organizzato una cerimonia non religiosa, che ha comunque seguito i rituali tradizionali del Paese per una durata di circa cinque ore. Qui il concetto di ringraziamento è imperante: soprattutto nella prima parte abbiamo espresso in diversi modi la gratitudine nei confronti delle nostre famiglie, offrendo loro dei frutti tradizionali coreani – un gesto che è di buon auspicio per un felice matrimonio, condito da tanti bambini».

«Un particolare importante concerneva l’abbigliamento e il trucco. Io e i miei familiari abbiamo indossato durante la cerimonia degli abiti tradizionali coreani fatti a mano, di seta, molto colorati. D’altro canto, la tradizione vuole che sia data grande importanza all’aspetto: dal parrucchiere, per esempio, abbiamo passato veramente tanto tempo. Inoltre in Corea vanno matti per le fotografie. Ne abbiamo scattato un numero incredibile e ammetto che alla fine  non avevo più la forza per sorridere. E non è un’espressione di rito: avevo proprio i crampi ai muscoli della mandibola!». E sull’ipotesi di un ritorno in Ticino… «Mai dire mai, anche se qui a Newport Beach mi trovo molto bene. Mi mancano le scampagnate in rampichino in montagna o una bella cena estiva in uno dei nostri grotti, ma contro la nostalgia di casa mi sono premunito con poster, cartoline e delle bottiglie di grappa e nocino».

Alfonsina Storni nacque nel 1892 e morì in Argentina a 46 anni.

Alfonsina Storni nacque nel 1892 e morì in Argentina a 46 anni.
http://www.cooperazione.ch/Matrimonio+in+salsa+orientale Alfonsina Storni nacque nel 1892 e morì in Argentina a 46 anni.
«

L’ epilogo tragico e romantico di una grande poetessa»

Tra le poetesse più amate del continente sudamericano, Alfonsina Storni nacque il 22 maggio 1892 a Sala Capriasca. All’età di quattro anni la sua famiglia si trasferì a Rosario, in Argentina, che divenne sua terra d’adozione. In parallelo alla formazione di insegnante, la ticinese si appassionò al teatro e alla letteratura, intessendo negli anni diverse collaborazioni con compagnie, riviste e quotidiani. Nel 1911 si trasferì a Buenos Aires e cinque anni più tardi firmò la sua prima raccolta poetica, «La inquietud del rosal». Sempre più vicina agli ambienti culturali cittadini, all’inizio degli anni Venti conobbe a Montevideo lo scrittore uruguaiano Horacio Quiroga, che diventò suo amico e confidente. Nel 1930 partì per un viaggio alla volta dell’Europa, occasione nella quale poté tornare in Ticino. Gli anni Trenta furono però anche portatori di cattive notizie: nel 1935 le fu diagnosticato un tumore e un anno più tardi l’amico Quiroga si suicidò con il cianuro. Affaticata nel corpo e nello spirito, Alfonsina Storni andò incontro al suo destino il 25 ottobre 1938. Quel giorno, sulla spiaggia, camminò nelle fredde acque dell’Atlantico fino a immergersi del tutto e morire affogata. Una fine tragica e romantica al tempo stesso, ricordata da tutti gli appassionati di letteratura del Sudamerica.

Una coppia di emigranti a Singapore

Fabiana Pizzali si è trasferita in Asia nel 2010 insieme al marito.

Fabiana Pizzali si è trasferita in Asia nel 2010 insieme al marito.
http://www.cooperazione.ch/Matrimonio+in+salsa+orientale Fabiana Pizzali si è trasferita in Asia nel 2010 insieme al marito.

Cooperazione: L’idea di trasferirsi è nata da una proposta di lavoro a suo marito…
Fabiana Pizzali: Era il 2010 e avevo 26 anni. Abbiamo così deciso di cogliere insieme questa grande opportunità e di trasferirci a Singapore, una città ricca di stimoli e molto, molto internazionale.

Quali motivi vi hanno spinti a partire?
Era un periodo in cui volevamo dare una svolta alla nostra quotidianità e lavorare in una dimensione più globale, anche se proveniamo da due campi professionali diversi. Lui è
infatti attivo nel settore finanziario, io in quello alberghiero.

Qual è l’insegnamento più importante, tra quelli appresi in questi quattro anni?
L’apertura di spirito, una dote molto importante in un mondo sempre più globale come il nostro.

Vede il Ticino sotto una luce nuova?
Direi che mi sono resa conto di quanto è piccolo il nostro cantone e della relatività di alcune discussioni al cospetto della realtà internazionale, penso per esempio alle aperture domenicali. Nonostante ciò, penso che prima o poi faremo ritorno a casa.

Il testamento in versi in Languidez, nel 1920

Il giorno in cui morirò, la notizia
seguirà le solite procedure […]

E là molto lontano, in un paesino
che sta dormendo al sole su in montagna,
sopra il mio nome, in un vecchio registro,
mano che ignoro traccerà una riga.

Alfonsina Storni su Wikipedia

Commento (0)

Grazie per il vostro commento.

Questo commento ha un contenuto sgradevole?

Il testo sarà controllato ed eventualmente modificato o bloccato.

Il vostro commento

Non avete ancora scritto il commento.

Questo campo deve essere compilato. Grazie.

Campo obbligatorio
Questo campo deve essere compilato. Grazie.










Si prega di commentare nel rispetto della nostra netiquette e degli altri utenti.


ARTICOLI IN EVIDENZA



Un operatore sociale
con la videocamera

Il documentarista luganese Olmo Cerri ci parla del suo particolarissimo lavoro di ricerca sull’immigrazione italiana in Ticino.


*****

Il figlio di Ivan Graziani
si fa strada

Ecco Sala Giochi, il secondo album di Filippo, 36enne che cerca di seguire le orme del papà. Con discreto successo.

*****





Login con il profilo di Cooperazione

Chiudere
Fehlertext für Eingabe

Fehlertext für Eingabe

Dimenticato la password?