La festa conclusiva dello scorso anno al Castello di Montebello.

«Minimusica» per spettatori in erba

A Bellinzona, fra gennaio e aprile, la rassegna per bambini proporrà tre spettacoli e una festa conclusiva.

L’immancabile successo di pubblico, per Minimusica, è destinato a proseguire. Infatti, al teatro dell’Oratorio parrocchiale di Bellinzona (dietro la Collegiata) ci si appresta a ospitare altre tre proposte davvero intriganti. Come sempre, le rappresentazioni si svolgono di mercoledì, alle 14 e alle 16.

S’inizia il 18 gennaio con «La fisica dei giocolieri». Pensata per presentare, in maniera nuova e divertente, la fisica a chi non la conosce, la conferenza-spettacolo vedrà Federico Benuzzi impegnato a rendere evidenti i segreti dei giocolieri, che non seguono le leggi della magia, bensì quelle della fisica e della matematica.

I colori di Celeste ed Ercole
Il 15 febbraio sarà la volta di «Celeste, la fiaba dei colori». Protagonisti il colore celeste, rifiutato dagli altri colori dell’arcobaleno, e una bambina di nome Celeste, non accettata dai compagni di scuola. Attraverso un viaggio nel mondo dei colori, Celeste riuscirà a rendersi gradita a tutti. Una metafora sul come affermarsi ed essere apprezzati dagli altri.

Il 15 marzo sarà in cartellone «Le 12 fatiche di Ercole». Attraverso il gioco dell’oca, gli attori della Fondazione Luzzati-Teatro della Tosse di Genova coinvolgeranno i giovani spettatori per far conoscere loro le avventure di Ercole. Un viaggio nelle diverse epoche del Mediterraneo, durante il quale, a ogni tappa, corrisponderà una fatica da superare.
Il 26 aprile, dalle 14, al Castello di Montebello la stagione di Minimusica si concluderà con una festa intitolata «Da Sud a Nord, da Est a Ovest»: uno spettacolo teatrale, attività ludiche e musica. In caso di tempo avverso, tel. 1600.

LEGGI ANCHE…


L'appuntamento quindicinale

Le analisi di Ceroni su Cooperazione

Parliamo d'arte

La rubrica "Il quadro" di Cooperazione