1 von 5



Axel (da sin.), Dimitri e Enea sono alcuni degli allievi di quinta, che hanno inventato una storia con i Minions. (Foto: Hsakia Cereghetti)




Minions: gialli e discoli!

 Il 24 agosto arriva nelle sale cinematografiche Cattivissimo ME3. In attesa del film d’animazione, una classe di quinta elementare ha inventato sei storie con i Minions, che da questa settimana potete collezionare con Coop.. — AMELIA VALSECCHI JORIO

LEGGI I RACCONTI

Una ventina di allievi ci aspettano seduti al loro banco, ci troviamo nelle scuole elementari di Lavertezzo Piano. Lì, abbiamo proposto un esperimento nuovo, portare in anteprima la collezione dei Minions, lanciata da Coop. Sì, proprio quei famosi ometti gialli occhialuti a forma di pillola che ne combinano di tutti i colori. Come li hanno accolti gli scolari di quinta elementare e quali storie ci hanno raccontato a riguardo e che dire dell’unicorno rosa che è arrivato insieme ai Minions?


Entrati in classe, i Minions spuntano qua e là. Dall’angolo lettura: un’oasi di giochi, libri, enciclopedie e relax, gli allievi ne vanno a pescare alcuni, che a loro detta erano stati messi a riposare nel loro angolino preferito. Un’allieva tira fuori da sotto il banco l’unicorno (un altro protagonista dei film d’animazione della Illumination Entertainment) e, forse, il beniamino della classe. In tutto sono sei i personaggi tratti dal film che abbiamo consegnato agli allievi per costruire le loro storie.

Sei storie originali
«Questi buffi ometti gialli sempre pronti all’azione sono stati inseriti all’interno del progetto di Istituto sulla lettura e sulla scrittura», spiega la maestra Giaele Gabbani. Un esperimento che ha dato i suoi frutti, con la produzione di sei storie originali. La regola più difficile da rispettare era che non dovevano copiare ciò che era già stato proposto nelle proiezioni cinematografiche. All’inizio non è stato immediato dimenticarsi completamente dei film per chi li aveva già visti, ma poi, una volta partiti con carta e penna e le nozioni di base su come si costruisce una storia, nessuno li ha più fermati. «Con l’aiuto del mio gruppo – afferma soddisfatto Julian – siamo riusciti a inventare un fumetto originale con protagonista un Minion con un occhio solo che abbiamo chiamato Bingo (Carl nel film)». Bingo è diventato l’attore principale di una storia che racconta il disagio di chi si sente diverso. Sì, perché lui ha un occhio solo e non è uguale agli altri e per questo motivo viene schernito da un altro allievo che lo ha preso di mira. Come lui, ci sono le storie dell’unicorno rosa, Zucchero Filato (Fluffy nel film d’animazione), preso in giro per il suo corno e salvato da un DJ che gli dedica una canzone (che i ragazzi hanno cantato in classe) rendendolo famoso. E poi, c’è la storia di Dominik (carcerato Tom nel film), il Minion ladruncolo impenitente, diventato tale perché deriso per i suoi enormi occhiali. Tutte storie inventate dai ragazzi incentrate sul tema dell’integrazione che invitano a riflettere.

Comicità contro avversità
Ma fanno pensare anche i racconti proposti dagli altri gruppi, che hanno affrontato temi importanti come per esempio, usare la comicità in risposta alle avversità che la vita può riservarci. Una storia è quella di Geyk (Dave nel film) che sfoggia un sorriso come arma di difesa anche quando viene colpito di proposito da una pallonata oppure quella del suo quasi omonimo Jeck (carcerato Mel), un altro Minion finito in manette per una rapina, ma che viene rilasciato subito, perché in prigione fa ridere tutti a crepapelle e sarà assunto in un teatro dove farà carriera. E poi, c’è la solidarietà, come nel caso del Minion chiamato Ippo da Aline, Nicole, Astrid e Silvana, tramutato in supereroe. «Sono molto soddisfatta della nostra storia –racconta Aline – perché siamo riuscite a trasformare il nostro personaggio in un benefattore giallo, che salva un’anziana signora dai pericoli del traffico e riceve un premio in denaro che decide di donare ai bambini poveri».

Anche la maestra Giaele è contenta dei risultati e delle storie inventate dai suoi allievi e descrive quest’esperienza come unica nel suo genere. I piccoli omini gialli quindi, seppur estrapolati dal loro contesto usuale, hanno riscosso un grande successo. Anzi, forse, nel loro ruolo nuovo, sono riusciti a instaurare un rapporto ancor più stretto con i ragazzi conquistando i loro cuori. Ora, non resta che collezionare i Minions.


Dave, Carl, Mel, carcerato Mel, carcerato Tom e l’unicorno  Fluffy sono tra i protagonisti del film d’animazione della illumination, Cattivissimo Me 3, che sarà in sala dal 24 agosto. In attesa, da Coop gli appassionati di questi personaggi hanno la possibilità di collezionare i Minions sottoforma di un peluche.
I clienti ricevono un bollino, ogni 10 franchi di spesa. Si riceve un Minion o Fluffy con una scheda con 20 bollini e fr.9.90. Con 40 bollini si riceve un Minion o Fluffy gratuitamente. Potete anche partecipare online con l’App Supercard. I bollini per i Minions si possono collezionare fino al 24 giugno nei supermercati e ristoranti Coop, da Coop Edile+ Hobby, da Coop City e sulla piattaforma coop@home. Le schede complete possono essere utilizzate fino all’8 luglio da Coop, ma non più nei ristoranti Coop e coop@home. Gli articoli sono disponibili fino ad esaurimento scorte.


Torna al menu «Scuola e infanzia»
Vai alla sezione «Famiglia»
Torna all'Homepage

Commento (1)

Grazie per il vostro commento.

Questo commento ha un contenuto sgradevole?

Il testo sarà controllato ed eventualmente modificato o bloccato.

Il vostro commento

Non avete ancora scritto il commento.

Questo campo deve essere compilato. Grazie.

Campo obbligatorio
Questo campo deve essere compilato. Grazie.










Si prega di commentare nel rispetto della nostra netiquette e degli altri utenti.


ARTICOLI IN EVIDENZA



Dal Ticino all’Irlanda,
riecco i The Vad Vuc

Una storia lunga (e bella) quella dei The Vad Vuc, paladini del folk-rock ticinese. A cui ora s’aggiunge un nuovo cd, Disco Orario, che conferma il loro amore verso la tradizione irlandese rivisitata in chiave locale. 


*****

Giada Venturini: un’artista
degli effetti speciali

Giada Venturini acconcia e trucca star sui set. Ma anche trasformare visi per esigenze cinematografiche. È quello che fa la make-up artist e hair stylist che oggi vive a Londra.

*****





Login con il profilo di Cooperazione

Chiudere
Fehlertext für Eingabe

Fehlertext für Eingabe

Dimenticato la password?