Incontro con... Moira Albertalli

IL PERSONAGGIO — La giovane artista Moira Albertalli è l’unica ticinese nel cast artistico della Compagnia Finzi Pasca con cui, da cinque anni, calca i palcoscenici di mezzo mondo.

«

Il teatro non è solo tecnica, è passione»

Moira Albertalli

L’avventura iniziata cinque anni fa, porta Moira sui palcoscenici di mezzo mondo, facendole scoprire nuove realtà, ma senza farle montare la testa. «Ero in tournée a New York, e passeggiando per la città ho avuto bisogno di 10 minuti per raccontare a me stessa il mio percorso. È incredibile: sono partita da Morbio ed eccomi a recitare in un teatro di New York! Oppure a Sochi, alla cerimonia d’apertura delle Paralimpiadi. Indimenticabili! La più grande organizzazione che io abbia mai visto: tra amministrazione, figuranti e volontari, erano centinaia le persone implicate nello spettacolo. La scenografia era immensa. Io volavo sullo stadio a 30 metri d’altezza. Mi sono sentita una formichina. Vedevo Daniele (Finzi Pasca, ndr), il pubblico, Putin. Durante lo spettacolo ripetevo a me stessa “ricordati di questo momento”» e mentre Moira ce lo racconta ha ancora le scintille nello sguardo e un sorriso da bambina che vive la magia del teatro, trasmettendola a chi la osserva. Già, perché se attori e tecnici sono importanti, che sarebbe il teatro senza spettatori? Come reagisce il pubblico agli spettacoli?



«In Russia siamo stati in tournée per tre mesi, anche in paesini sperduti. Durante lo spettacolo il pubblico restava silenzioso, era quasi inesistente. Poi alla fine, venivamo applauditi per 20 minuti. Ci portavano mazzi di fiori con gli occhi ancora lucidi d’emozione. In Brasile invece sembrava di recitare in uno stadio: il pubblico partecipa, le persone sono molto espansive». È il momento della foto. Moira improvvisa qualche posa, si mette nelle posizioni più assurde, sempre con il sorriso sulle labbra, come se fosse la cosa più naturale del mondo. Chissà quante ragazzine nel pubblico l’ammirano con gli occhi sgranati, senza essere ancora consapevoli che portano già in sé il fuoco sacro dello spettacolo... l

Commento (0)

Grazie per il vostro commento.

Questo commento ha un contenuto sgradevole?

Il testo sarà controllato ed eventualmente modificato o bloccato.

Il vostro commento

Non avete ancora scritto il commento.

Questo campo deve essere compilato. Grazie.

Campo obbligatorio
Questo campo deve essere compilato. Grazie.










Si prega di commentare nel rispetto della nostra netiquette e degli altri utenti.

Testo: Raffaela Brignoni
Foto: Annick Romanski
Pubblicazione:
martedì 20.01.2015, ore 00:00


ARTICOLI IN EVIDENZA



Un operatore sociale
con la videocamera

Il documentarista luganese Olmo Cerri ci parla del suo particolarissimo lavoro di ricerca sull’immigrazione italiana in Ticino.


*****

Il figlio di Ivan Graziani
si fa strada

Ecco Sala Giochi, il secondo album di Filippo, 36enne che cerca di seguire le orme del papà. Con discreto successo.

*****





Login con il profilo di Cooperazione

Chiudere
Fehlertext für Eingabe

Fehlertext für Eingabe

Dimenticato la password?