«Orgogliosa di essere una portabandiera»

SCI DI FONDO - L’atleta disabile Maria Rosa Laratta sarà protagonista ai National Winter Games di Special Olympics a Coira.

Circa 550 atleti con handicap mentale, una cinquantina provenienti dalla Svizzera italiana. I National Winter Games di Special Olympics, in programma dal 3 al 6 marzo a Coira, rappresentano un vero e proprio evento popolare. E a fare da portabandiera per la delegazione ticinese sarà la fondista Maria Rosa Laratta, 40enne di Gordola che ha già vissuto parecchie esperienze importanti. «Faccio sci di fondo da quando sono piccola. E nella mia vita ho vinto un sacco di medaglie».
Nella capitale grigionese si gareggerà anche nello sci nordico e nello snowboard. «Come per lo sci di fondo – riprende Maria Rosa – i più bravi saranno poi selezionati per i mondiali del 2017 in Austria (i National World Games di Schladming-Graz). Io voglio farci un pensierino». Il divertimento prima di tutto. In manifestazioni come quella di Coira, l’agonismo viene in secondo piano. Anche per questo prima delle «gare che contano» sarà fatta, come da tradizione, una serie di prove in modo da poi formare gruppi omogenei. «Di solito finisco tra i più forti. Spero che altri ticinesi ci riescano».
Tra i testimonial della rassegna, personaggi di prestigio come ad esempio il saltatore Simon Ammann. «Sarà una grossa emozione incontrarlo» dice Maria Rosa. Che poi parla dei suoi compagni d’avventura. «La maggior parte degli atleti della delegazione ticinese non ha mai partecipato a competizioni di questo livello. Però penso che qualche vittoria la porteremo a casa». 

TORNA ALLA SEZIONE «SPORT» DI COOPERAZIONE

Commento (0)

Grazie per il vostro commento.

Questo commento ha un contenuto sgradevole?

Il testo sarà controllato ed eventualmente modificato o bloccato.

Il vostro commento

Non avete ancora scritto il commento.

Questo campo deve essere compilato. Grazie.

Campo obbligatorio
Questo campo deve essere compilato. Grazie.










Si prega di commentare nel rispetto della nostra netiquette e degli altri utenti.


ARTICOLI IN EVIDENZA



Un operatore sociale
con la videocamera

Il documentarista luganese Olmo Cerri ci parla del suo particolarissimo lavoro di ricerca sull’immigrazione italiana in Ticino.


*****

Il figlio di Ivan Graziani
si fa strada

Ecco Sala Giochi, il secondo album di Filippo, 36enne che cerca di seguire le orme del papà. Con discreto successo.

*****



Testo: Patrick Mancini

Foto: Massimo Pedrazzini

Pubblicazione:
lunedì 22.02.2016, ore 00:00


Login con il profilo di Cooperazione

Chiudere
Fehlertext für Eingabe

Fehlertext für Eingabe

Dimenticato la password?