Paolo Conte:
un gioco fantastico

Alle soglie degli ottant’anni, Paolo Conte si concede un amazing game, un gioco fantastico, parafrasando il nome del nuovo album pubblicato da Decca. — DIEGO PERUGINI

Un disco fuori dal tempo e dalle mode, interamente strumentale. Anzi, quasi. Perché in Tips, che somiglia a Via con me, lo sentiamo bofonchiare il titolo, mentre in Changes All In Your Arms sono le coriste a cantare. Il resto è solo musica. Da camera, lieve, suggestiva ed evocativa, fra sapori di Sudamerica e briciole di jazz. «Ma alla fine ci sono sempre il mio gusto e il mio stile novecentista» spiega. Brani scritti dagli anni ’90 ad oggi per pièce teatrali e altro, finora tenuti nel cassetto. F.F.F. (For Four Free Friends) e Fuga Nell’Amazzonia In Re Minore sono i momenti più improvvisati, Zinia sfiora la classica, mentre Zama e Rumbomania sono vicine al Conte cantautore. Un lavoro estemporaneo ed elegante, per palati fini e anime sensibili. Un consiglio: ascoltatelo con calma su cd (o vinile), lasciando lo streaming al pop di più facile consumo.

Torna al menu «MUSICA»
Vai alla sezione «TEMPOLIBERO»
Torna all'HOMEPAGE

Commento (0)

Grazie per il vostro commento.

Questo commento ha un contenuto sgradevole?

Il testo sarà controllato ed eventualmente modificato o bloccato.

Il vostro commento

Non avete ancora scritto il commento.

Questo campo deve essere compilato. Grazie.

Campo obbligatorio
Questo campo deve essere compilato. Grazie.










Si prega di commentare nel rispetto della nostra netiquette e degli altri utenti.

LEGGI ANCHE…


L'appuntamento quindicinale

Le analisi di Ceroni su Cooperazione

Parliamo d'arte

La rubrica "Il quadro" di Cooperazione



Login con il profilo di Cooperazione

Chiudere
Fehlertext für Eingabe

Fehlertext für Eingabe

Dimenticato la password?