1 von 2


Adriano Cattaneo accompagna un’ospite nel nuovo parco giochi.

Nell’atelier si preparano i manufatti in vendita alla Butega.

Parco giochi per tutti

La Fondazione Provvida Madre è attiva da 40 anni nella presa in carico di persone portatrici di handicap. Per segnare questo traguardo, invita la popolazione a scoprire il suo nuovo parco giochi, realizzato grazie anche al sostegno di Coop.

un budget annuo di circa 15 milioni di franchi, 102 ospiti, 185 collaboratori e 40 candeline da spegnere. Questo in cifre il breve ritratto della Fondazione Provvida Madre di Balerna. Ma sarebbe riduttivo limitarsi a un freddo elenco di numeri. Perché ognuno di essi racchiude un mondo. Da quattro decenni la fondazione sottocenerina ha fatto della presa in carico di persone portatrici di handicap la sua missione, dapprima ospitando bambini e, dagli anni ’80, aprendo le porte anche agli adulti. «Quella che offriamo è una presa in carico globale. Facciamo attività didattica e occupazionale. Offriamo diversi tipi di terapia e di cure infermieristiche, prendendoci cura della persona sotto tutti i punti di vista» ci spiega Adriano Cattaneo, direttore della fondazione dal 2001.

Un luogo aperto a tutti
La fondazione possiede alcuni edifici di accoglienza adiacenti alla sede principale, ma anche nel centro di Balerna per gli ospiti più autonomi. «Ci piacerebbe far dimenticare un po’ la parola “istituto”, che dà l’idea di un luogo chiuso su se stesso. Il nostro obiettivo risponde al concetto di normalizzazione: rendere la vita dei nostri ospiti, sia quelli in internato che quelli che partecipano alle attività del centro diurno, il più normale possibile. È in questa ottica che proponiamo ai nostri ospiti un’attività occupazionale alla Butega, dove i loro manufatti sono anche messi in vendita. Oppure mettendo a disposizione la nostra piscina per le attività madre-bambino, la nostra palestra per corsi di yoga o anche il nostro atelier per il doposcuola: vogliamo creare momenti di scambio tra i nostri residenti e la popolazione» precisa Cattaneo.

Un anniversario importante
E per segnare i 40 anni di attività, il prossimo 9 di maggio, ci sarà una giornata di porte aperte con l’inaugurazione del nuovo parco giochi del centro. «Questo progetto è la logica conseguenza della nostra volontà di aprire i nostri spazi alla popolazione. Il parco giochi è sì destinato ai nostri ospiti, ma è aperto a tutti. Si trova in uno spazio amplio e piacevole, a due passi dal centro di Balerna ed è un invito a tutti i bambini a venire qui a giocare. Si tratta di un parco giochi unico nel suo genere in Ticino, è stato completamente rinnovato con un occhio di riguardo per i nostri ragazzi disabili. Si tratta di giochi senza barriere architettoniche. L’altalena sarà agibile anche a persone in carrozzina, così come il castello, su cui si sale grazie una rampa e non a una scala». Insomma, un parco giochi d’avanguardia e i cui lavori hanno necessitato un investimento di 150mila franchi. Il Consiglio regionale di Coop ha contribuito alla realizzazione di questo progetto elargendo 25mila franchi. «Abbiamo destinato questa somma con l’intento di sostenere un progetto sociale, dato che negli scorsi anni abbiamo privilegiato progetti culturali/ricreativi – spiega Michela Ferrari-Testa, membro del Consiglio d’amministrazione Coop –; inoltre ci è piaciuta l’idea di contribuire al rinnovo di un parco giochi, luogo di svago e di incontro». Con questo gesto, prosegue Ferrari-Testa «dimostriamo anche con i fatti e non solo a parole che vi sono valori universali, in cui Coop crede e di cui tiene conto, sia nell’ambito della sua attività principale, sia in modo indiretto». La cerimonia di sabato sarà un momento di riflessione e di solidarietà, ma soprattutto una giornata dominata dalle risa dei bambini.

Sabato 9 maggio, a partire dalle 14 si terrà la giornata delle porte aperte all’Istituto Provvida Madre di Balerna. La popolazione potrà visitare gli atelier del centro diurno e le aule del settore minorenni
e i bambini potranno giocare nel nuovo parco giochi.

Alle 15 ci sarà uno spettacolo di bolle di sapone giganti. Seguirà una breve parte ufficiale con la partecipazione delle autorità, dei responsabili e degli ospiti della struttura e del Consiglio regionale di Coop.

Alle 17 il vescovo della diocesi di Lugano, Mons. Valerio Lazzeri celebrerà la messa. Seguirà un aperitivo.

Testo: ELA
Foto: Annick Romanski
Pubblicazione:
lunedì 04.05.2015, ore 00:00