Irene Kaufmann sull’Alp Suot, che domina la località di Guarda (GR).

Adotta una capra, aderisci al padrinato

Irene Kaufmann è presidente del consiglio d’amministrazione del Padrinato Coop da un anno. Tempo per un primo bilancio.

Un anno fa Irene Kaufmann ha assunto la presidenza del Consiglio d’amministrazione del Padrinato Coop per le regioni di montagna. Durante il suo primo anno di attività Kaufmann ha registrato un ottimo risultato: 6 milioni di franchi, con i quali è stato possibile sostenere 188 progetti di autoaiuto nelle regioni di montagna. Abbiamo parlato con lei della sua attività e del suo rapporto con le popolazioni
di montagna.  

Lei è attiva in diversi Consigli di amministrazione. Il suo mandato nell’ambito del Padrinato è molto diverso dagli altri?
Qui in gioco ci sono sempre gli uomini e i loro destini. Ho sempre potuto farmi un quadro preciso delle istanze, nonché del senso e degli obiettivi del nostro aiuto. E devo dire che la maggior parte delle richieste d’aiuto è assolutamente giustificata e che i nostri contributi partecipano in modo essenziale a migliorare le condizioni di vita di molte persone impegnate nelle aziende di montagna.

Con il suo dottorato in economia, le cifre le staranno sicuramente a cuore. Ora il padrinato di montagna verrà sottoposto al dogma della massimizzazione dei profitti?
Sul mercato delle donazioni, un mercato aspramente conteso, è importante tenere costantemente sotto controllo le cifre. In quanto organizzazione non profit, tuttavia, il Padrinato di montagna non mette in primo piano i profitti; il nostro obiettivo è invece quello di riuscire a sostenere il maggior numero possibile di buoni progetti. Per questo motivo sono particolarmente felice dell’eccellente risultato raggiunto: ai miei occhi è un segno della solidarietà di cui è capace la popolazione svizzera.

«

Le nostre montagne offrono 550mila impieghi in Svizzera  
»

Irene Kaufmann, presidente del Padrinato Coop pour les régions de montagne

Faccio l’avvocato del diavolo: vale la pena tutto questo dispendio di tempo e denaro per un paio di contadini che senza questi aiuti non esisterebbero neppure?
Le regioni di montagna rappresentano i due terzi del territorio nazionale. Sono lo spazio vitale delle popolazioni di montagna e per molti di noi sono anche un attraente luogo ricreativo. Le regioni di montagna, inoltre, offrono 550mila impieghi, un quinto di tutti i posti di lavoro svizzeri. La coesistenza di agricoltura di montagna, turismo sostenibile, protezione contro le valanghe e manutenzione di sentieri e strade è fondamentale per la vita nelle regioni di montagna. Senza questi collegamenti anche le piccole imprese locali sono minacciate.

Come conta di impegnarsi nell’ambito del Padrinato? Le sembra di poter individuare delle necessità d’intervento?
Un po’ ovunque ho potuto gettare uno sguardo dietro le quinte, e ho potuto rendermi conto di quanto lavoro e denaro debba essere investito affinché un progetto possa essere portato a termine, ad esempio per un risanamento di un’abitazione urgentemente necessario o per l’adeguamento di una stalla alle direttive di protezione degli animali e delle acque. Vogliamo inoltre occuparci maggiormente di progetti innovativi in ambito di agricoltura alpina e di montagna. Ho conosciuto tante contadine e tanti contadini pieni di ottime idee degne di essere sostenute.

Lei vive a Zurigo. Qual è il suo rapporto personale con le regioni di montagna?
Per me, in quanto cittadina, le montagne sono da sempre sinonimo di vacanze e di tempo libero. Fare escursioni nelle Alpi è il miglior modo per svagarmi, sia con la famiglia che in compagnia degli amici. In quanto consumatrice, inoltre, apprezzo moltissimo i prodotti Pro Montagna. Acquistandoli posso sostenere l’economia di montagna e, allo stesso tempo, posso approfittare dalla loro elevata qualità. l

Con 95 franchi, potete adottare una capra da latte delle montagne grigionesi. Il Padrinato Coop per le regioni di montagna, sostiene il progetto di adozione delle capre finalizzato alla tutela delle capre d’alpe, in modo che anche le razze più rare non siano a rischio di estinzione. Inoltre, potrete recarvi sull’alpe a trovare la vostra capretta. Riceverete anche una sua foto e una forma di formaggio di capra a fine estate. Potete anche regalare un’adozione di una capretta. Potete scegliere la vostra capretta al link in calce o chiedere la documentazione tramite il tagliando.

www.coop.ch/capre

Benvenuti nel Padrinato Coop per le regioni di montagna. Il vostro contributo annuale di 10 franchi (può anche essere di più) viene impiegato tutto per i progetti: le spese amministrative vanno interamente a carico di Coop.

www.coop.ch/padrinato
Testo: Stefan Fehlmann
Foto: Yannick Andrea
Pubblicazione:
lunedì 08.06.2015, ore 00:00