Cantine Latini: l’azienda del Mendrisiotto avviata da Edoardo Latini e ripresa con impegno e passione dal figlio Samuel. La storia di una piccola realtà che cresce ed evolve.  

Questo architetto vive nei vigneti

Cantine Latini: l’azienda del Mendrisiotto avviata da Edoardo Latini e ripresa con impegno e passione dal figlio Samuel. La storia di una piccola realtà che cresce ed evolve. - di ANDREA CONCONI  

Incontro Samuel Latini al mattino presto, prima di entrare nella frenesia del lavoro e davanti a un caffè inizia a raccontarmi la storia, breve ma intensa, dell’azienda familiare creata  da suo padre agli inizi degli anni Ottanta. Dapprima,  alla sua attività di viticoltore accompagnava quella di geometra, si trattava di un hobby, ma che diventò presto un’attività accessoria per poi diventare, nel ’92 quando creò la sua cantina, lavoro a tempo pieno. In questo periodo le etichette Edoardo Latini iniziavano a essere conosciute nella regione. Infatti, se la gran parte delle uve veniva venduta, una piccola parte era vinificata per lui dalla Cantina Fumagalli di Balerna.

«La crescita aziendale avviene a partire dal 2000 con il mio arrivo e l’ampliamento della cantina di Tremona – ci racconta Samuel –. Si è passati dalle 5-6.000 bottiglie prodotte allora da mio padre, alle 40.000 attuali. La mia esperienza lavorativa dopo la scuola di architettura paesaggistica e il lavoro sul terreno con mio padre, mi permise di occuparmi della coltivazione della vigna. I vini che si producevano erano apprezzati, ma sapevo che vi era ancora un buon margine di miglioramento. Per questo decisi di ampliare le mie conoscenze frequentando per tre giorni la settimana la scuola superiore di viticoltura ed enologia di Changins, dove ottenni il diploma in enologia nel 2003. Nei restanti giorni lavoravo nei nostri vigneti. Un periodo intenso, ma di grandi soddisfazioni». L’azienda in questi anni è cresciuta. Oggi gestiscono una quindicina di ettari di vigneto sparsi tra Mendrisiotto e Luganese, continuando a vendere una parte delle uve prodotte. «Assumendo la gestione aziendale nel 2011, sto cercando di impostarvi la mia filosofia. Essendo la nostra cantina la più importante realtà presente nel comprensorio del Monte San Giorgio, l’obiettivo a corto termine è di lasciare i vigneti periferici per concentrarci sulla produzione nei vigneti situati sul Monte, non solo quelli compresi nel com-prensorio Unesco, ma anche quelli alle pendici. La scelta fatta anni fa da mio padre di avere una grossa varietà di vitigni resta attuale». L’assortimento delle Cantine Latini comprende tredici etichette. «Il numero attuale dei vini prodotti è un po’ eccessivo e poco razionale, per questo, in futuro, alcune etichette spariranno a favore degli assemblaggi che personalmente trovo più complessi. Aumenterà l’assortimento di spumanti metodo classico, tipologia di vini che prediligo». 
 

La forza del sole mediterraneo

In Spagna, tra Jumilla e Alicante, si trova una zona protetta dalla Denominazione di Origine di Yecla. In questa regione, caratterizzata da terreni in prevalenza calcarei e sabbiosi, in cui si alternano estati molto calde poco piovose a inverni molto freddi, Yecla vanta una media di ore di sole all’anno altissima, circa 3.000 ore. Una delle aziende più attive di Yecla è la Bodegas Barahonda che produce il Campo Arriba, un blend di Monastrell, Syrah e Tintorera, che sembra contenere tutta la forza del sole mediterraneo. Un vino dall’intenso color rosso rubino e dalle ricche sensazioni di frutta rossa matura e note dolcemente speziate di barrique. Robusto, fruttato e persistente, accompagna stufati di vitello e un agnello al forno.






Commento (0)

Grazie per il vostro commento.

Questo commento ha un contenuto sgradevole?

Il testo sarà controllato ed eventualmente modificato o bloccato.

Il vostro commento

Non avete ancora scritto il commento.

Questo campo deve essere compilato. Grazie.

Campo obbligatorio
Questo campo deve essere compilato. Grazie.










Si prega di commentare nel rispetto della nostra netiquette e degli altri utenti.



Login con il profilo di Cooperazione

Chiudere
Fehlertext für Eingabe

Fehlertext für Eingabe

Dimenticato la password?