Robbie Williams,
l’intrattenitore pop

La sua missione è intrattenere, divertire, sorprendere. E qui, soprattutto dal vivo, è uno dei migliori al mondo. — DIEGO PERUGINI

Robbie Williams torna con The Heavy Entertainment Show (Sony) e l’ambizione, parole sue, «di condividere un’esperienza con milioni di persone». Ci riuscirà? Probabile. Di certo non si è badato a spese per realizzare questo cd eclettico e sopra le righe, fra collaborazioni illustri, una ricca produzione e un saltabeccare frenetico fra stili e generi. Il singolo Party Like A Russian campiona Prokoviev e sconfina nel kitsch, mentre Bruce Lee strizza l’occhio al glam-rock e Pretty Woman è incalzante e ballabile, con l’aiuto di Ed Sheeran. Sensitive viaggia su un binario soul-dance, David’s Song è una ballatona strappacuore. Il meglio arriva da Hotel Crazy, con Rufus Wainwright, suggestiva traccia da «crooner» postmoderni. Si esce un po’ frastornati dall’ascolto, con la tipica impressione di «troppa carne al fuoco». E non sempre di primissima qualità. 

Torna al menu «MUSICA»
Vai alla sezione «TEMPOLIBERO»
Torna all'HOMEPAGE

Commento (0)

Grazie per il vostro commento.

Questo commento ha un contenuto sgradevole?

Il testo sarà controllato ed eventualmente modificato o bloccato.

Il vostro commento

Non avete ancora scritto il commento.

Questo campo deve essere compilato. Grazie.

Campo obbligatorio
Questo campo deve essere compilato. Grazie.










Si prega di commentare nel rispetto della nostra netiquette e degli altri utenti.


ARTICOLI IN EVIDENZA



Un operatore sociale
con la videocamera

Il documentarista luganese Olmo Cerri ci parla del suo particolarissimo lavoro di ricerca sull’immigrazione italiana in Ticino.


*****

Il figlio di Ivan Graziani
si fa strada

Ecco Sala Giochi, il secondo album di Filippo, 36enne che cerca di seguire le orme del papà. Con discreto successo.

*****





Login con il profilo di Cooperazione

Chiudere
Fehlertext für Eingabe

Fehlertext für Eingabe

Dimenticato la password?