Scatti memorabili per il fotoalbum

Consigli a 360° per scattare al meglio con lo smartphone durante le vacanze: dall'uso del flash alle offerte di Roaming. — Carmela Maccia

Pronti per andare in vacanza? Sapete come raggiungere la vostra meta turistica? Avete fatto le valigie? Avete organizzato la custodia di piante e animali domestici che non possono accompagnarvi? Chi svuoterà la bucalettere? Se avete risposto a tutte queste domande, potete considerarvi in vacanza e pronti a scattare e postare su Facebook, Instagram o Twitter tutto quanto volete condividere con amici reali e virtuali.



Ma siamo certi che per immortalare l’album dei ricordi tradizionale o digitale sia necessario cogliere ogni momento o situazione con lo smartphone?

I consigli di Sandro Mahler, fotografo e docente di fotografia, renderanno migliori le immagini acquisite con i cellulari. «Con gli smartphone di ultima generazione si possono fare ottime fotografie, tuttavia qualche limite in più, rispetto alla macchina fotografica, sussiste. Ad esempio, l’obiettivo di uno smartphone è molto più piccolo, pertanto le immagini avranno un’incisione e qualità inferiori. Inoltre, i soggetti in movimento risulteranno più sgranati poiché gli scatti sono in modalità automatica. Non da ultimo, un altro limite lo pone lo zoom digitale: quando si ingrandisce un dettaglio, in realtà non si aumenta la focale dell’obiettivo, ma l’immagine viene come ritagliata, con la conseguente perdita di qualità. In sintesi, per ridurre al minimo l’impatto negativo di uno smartphone, bisogna che esso sia dotato di almeno 6-8 milioni di megapixel. Oltre a ciò, se non portate con voi la classica macchina fotografica, valutate l’opportunità di aggiungere un obiettivo adatto allo smart-phone».  

Alleggerire il cellulare
In genere, il cellulare è uno strumento di comunicazione, vale quindi la pena evitare di sovraccaricare la memoria con immagini e video. Queste ultime possono essere trasferite sul tablet, sul computer portatile, oppure inviate ad una piattaforma o disco rigido esterno. Il modo più efficiente è farlo attraverso una WLAN.  Dalla piattaforma fissa, se siete tecnicamente attrezzati, potrete fare tutti i ritocchi e i ritagli che riterrete necessari. Per ricostruire la cronologia dei momenti che avete voluto immortalare, vale la pena «taggarli» (etichettarli),  con l’aiuto del GPS integrato nel cellulare.

Scelta estetica
Ma come rendere il fotoalbum digitale originale? Evitare le eccessive ripetizioni, costruirlo seguendo una logica temporale, oppure dettata da scelte estetiche, iniziando ad esempio con immagini ricche di dettagli per finire con quelle con pochi elementi….
«Catturare i momenti migliori dei vostri bambini diventa più facile se li fate divertire, ed evitate di annoiarli con una miriade di pose statiche o dinamiche, oppure cercate di fotografarli a loro insaputa. A questo proposito, il momento migliore della giornata è al tramonto, oppure la mattina quando il sole è basso», conclude Mahler.
Infine, durante le vacanze all’estero, concentratevi sui soggetti che direttamente vi riguardano: monumenti, paesaggi e persone che vi accompagnano. Per fotografare gli sconosciuti avete bisogno del loro consenso e non sempre è sufficiente essere in un luogo pubblico.


Se i bambini si divertono, si lasciano anche fotografare.

All’estero il trasferimento di dati da un supporto digitale all’altro può essere costoso. Verificare con il vostro operatore i termini e le condizioni di abbonamento, evita brutte sorprese.

Ecco alcuni link per trovare l'offerta più adatta alle vostre esigenze.







...è sempre soggettiva.

In una fotografia, la prospettiva è sempre un elemento soggettivo. Per trovare quella giusta si consiglia di muoversi intorno al soggetto, al fine di comporre a poco a poco l’immagine. La luce naturale e la sua stessa intensità sono altrettanto importanti. Bisogna evitare di mettersi controsole, affinare lo spirito di osservazione, scattare immagini di prova, fino ad ottenere lo scatto giusto. Per fotografare i bambini è utile abbassarsi, mettersi cioè alla loro altezza, o anche più in basso, per creare prospettive insolite e più originali per  l’album dei ricordi.

....usarlo o no?

Il flash dello smartphone ha una funzione specifica. Esso si rivela utile quando si vogliono schiarire i soggetti in ombra e lo sfondo è soleggiato. Per evitare l’effetto «occhi rossi» è bene evitare il flash, che negli smartphone è posizionato di fianco all’obiettivo, quindi vicino all’asse ottico. Usandolo si illumina la parte interna dell’occhio che è rossa, provocando l’effetto stesso. Una tecnica per ovviare a questo difetto è fotografare il soggetto senza flash, oppure correggere successivamente con una App. Infine, se la luce è poca bisogna considerare che la capacità di illuminazione di uno smartphone è di 2-3 metri. Oltre, la foto sarà scura.


ARTICOLI IN EVIDENZA



Un operatore sociale
con la videocamera

Il documentarista luganese Olmo Cerri ci parla del suo particolarissimo lavoro di ricerca sull’immigrazione italiana in Ticino.


*****

Il figlio di Ivan Graziani
si fa strada

Ecco Sala Giochi, il secondo album di Filippo, 36enne che cerca di seguire le orme del papà. Con discreto successo.

*****



Testo: Carmela Maccia

Foto: Sandro Mahler

Pubblicazione:
lunedì 13.07.2015, ore 01:00