Sebalter e Roberto Belossi presso la Cantina Il Cavaliere.

Sebalter a cantine aperte

Un giovane talentuoso ma anche affezionato alla realtà in cui è cresciuto. Sebalter rispecchia la nuova generazione di estimatori del vino locale e presenta l’occasione per conoscerlo meglio. — Elisa Pedrazzini

Come ogni primavera, da ben 17 anni, a fine maggio molte aziende vitivinicole in tutto il Cantone inviteranno gli appassionati di vino a conoscere la propria realtà. Quest’anno, padrino d’eccezione della manifestazione sarà Sebastiano Paù-Lessi, in arte Sebalter, cantautore ticinese. Davanti a un assaggio di vino, in compagnia di Roberto e Tiziana Belossi della Cantina Il Cavaliere, ci racconta il suo legame con il vino del territorio: «Sono cresciuto a Giubiasco vedendo i nonni che volentieri bevevano un bicchierino di rosso mangiando, e coltivavano la vite. Il vino parla della nostra cultura ed è un prodotto di qualità di cui non possiamo che essere orgogliosi». A testimoniare le sue parole, la sua cantina, composta per gran parte da bottiglie di vino rosso ticinese. «Abbiamo la fortuna di avere eccellenti vini a “km zero” – sottolinea l’artista – sarebbe peccato non approfittarne».

L’interesse dei giovani
La sua figura è più che mai rappresentativa in un contesto enologico che si trasforma e che coinvolge sempre più generazioni. Lo conferma anche Roberto Belossi, che con la sua azienda partecipa a Cantine Aperte fin dalla prima edizione: «È un evento in crescita, i primi anni vi era una forte presenza di turisti, circa il 60-70 per cento dei partecipanti. Negli ultimi anni, sebbene i forestieri siano sempre numerosi, notiamo un maggiore interesse da parte della gente del posto e una forte presenza di giovani». Il consumatore giovane è anche una garanzia di continuità per l’azienda: «Sono i futuri clienti, se apprezzano il prodotto, continueranno a sceglierlo in futuro».

Turisti a casa nostra
Passeggiare per Cantine Aperte è l’occasione giusta per conoscere realtà vicine ma talvolta poco note, di sbirciare tra le botti e le etichettatrici, e di far domande: «Paradossalmente è un atteggiamento che in vacanza riesce più spontaneo. – riflette Sebalter –. Sono stato poco tempo fa in Grecia e, di fronte a un’azienda di vino, ci siamo fermati e abbiamo “bussato” per una visita senza indugiare. Qui in Ticino difficilmente ci verrebbe in mente di farlo». Da parte sua, Roberto Belossi riceve quasi esclusivamente visite da parte di turisti: «Sebbene fuori dall’azienda vi sia sempre il cartello “aperto”, pochissimi ticinesi si fermano». Il 30 e 31 maggio, è l’occasione per farlo! Parteciperanno 64 cantine sparse tra Novazzano e Rodi-Fiesso, visitabili dalle 10 del mattino fino alle 18. Tra tour in cantina, degustazioni libere o guidate, abbinamenti cibo-vino e passeggiate per le vigne, sarà un fine settimana all’insegna della convivialità, animato dalla curiosità dei buongustai e coordinato dalla professionalità di viticoltori ed enologi. Nessuno avrà dubbi se poter o meno “bussare” presso le cantine. Trovate maggiori informazioni a proposito delle aziende che aderiscono all’iniziativa e dei vari eventi collaterali (degustazioni, serate a tema) sul sito: www.ticinowine.ch


Elisa Pedrazzini

Un sorso di Provenza

Sulla punta orientale della Valleé des Baux, nella cavità di una valle incontaminata delle Alpilles, un gruppo di colline della Provenza, a 6 km da Mouriès, si trova il Moulin de Lauzières, fondato nel XVI secolo dai rifugiati ugonotti. In questa terra, dove i profumi di timo, lavanda e rosmarino selvatico si uniscono a quello delle olive, la vigna trova spazio tra roccia e sole, dando vita a vini rossi AOC con la denominazione di Baux de Provence come quello prodotto da Christophe Pillon e Jean-Daniel Schlaepfer in maniera biodinamica. Un vino caldo e rotondo dal color rosso rubino tendente al granato, con note speziate di cannella e bacche rosse. Il finale persistente
e aromatizzato alle erbe provenzali si sposa perfettamente con le carni grigliate, gli arrosti e i formaggi stagionati.




Il vitigno di casa nostra, ma anche il quinto più coltivato al mondo con circa 160.000 ettari. Il Merlot è conosciuto per i vini di qualità, soprattutto quello delle regioni di St-Emilion e Pomerol. Dai sentori di prugna con note speziate, è spesso associato al Cabernet Savignon, più che per compensazione dei sapori in bottiglia, per la complementarietà in vigna: fioriscono e maturano in momenti diversi e quindi nelle annate in cui una varietà soffre, spesso l’altra si esprime al meglio.

Uno degli assemblaggi classici a base Merlot è la «ricetta bordolese», dove è combinato con Cabernet Sauvignon e Cabernet Franc. Da questa unione nascono la maggior parte dei grandi Bordeaux. Oltre che in Francia, ha un’ottima diffusione nell’Est Europa. In Romania è la varietà a bacca rossa più coltivata, in Bulgaria la seconda; in terra ungherese prende il nome di «Médoc Noir».

Commento (0)

Grazie per il vostro commento.

Questo commento ha un contenuto sgradevole?

Il testo sarà controllato ed eventualmente modificato o bloccato.

Il vostro commento

Non avete ancora scritto il commento.

Questo campo deve essere compilato. Grazie.

Campo obbligatorio
Questo campo deve essere compilato. Grazie.










Si prega di commentare nel rispetto della nostra netiquette e degli altri utenti.



Login con il profilo di Cooperazione

Chiudere
Fehlertext für Eingabe

Fehlertext für Eingabe

Dimenticato la password?