Smoothies, frullati
di energia

Dall’America, una tecnica semplice per fare il pieno di nutrienti preziosi. Irene, Greg e Lily ci raccontano come combinare proteine, vitamine e sapori. — KERI GONZATO

Frutta fresca, foglie di spinaci, semi portentosi… sono alcuni degli ingredienti più gettonati per la creazione degli smoothies, veri e propri concentrati di freschezza! Nati negli Stati Uniti alla fine degli anni ’60, quando i gelatai iniziarono a frullare frutta fresca e ghiaccio; negli ultimi decenni hanno vissuto una rinascita globale.

Il buongiorno
Lo strumento fondamentale per buttarsi nella fase sperimentale è il frullatore! «Abbiamo iniziato a sperimentare quando ce ne hanno regalato uno adatto», racconta Irene mentre aggiunge del miele allo smoothie per sua figlia Lily, «da allora sono entrati nella nostra quotidianità perché sono un valido supporto per chi, come noi, ha poco tempo ma cerca di condurre uno stile di vita sano». Suo marito Greg, appassionato di cross-fit, racconta che gli danno la carica giusta per iniziare la mattinata… Allenandosi quotidianamente, ha l’obiettivo di supportare la performance con l’alimentazione. «Quando la colazione precede di qualche ora l’allenamento, ne preparo uno leggero che mi dia l’energia per l’allenamento ma che sia veloce da digerire, con banana, datteri e frutti di bosco, olio di cocco, cacao in polvere, semi, noci e proteine vegetali in polvere», spiega. Se lo beve dopo l’allenamento, aggiunge dei carboidrati a più lenta digestione come l’avena integrale. «Li integriamo nelle nostre colazioni», continua il papà sportivo, «ma all’occasione anche come spuntino sano e goloso per nostra figlia o ancora come aiuto per contrastare i raffreddori o i primi sintomi dell’influenza, rafforzando il sistema immunitario».

Bombe di vitamine  
Se da un lato non devono sostituire un’alimentazione sana e completa, dall’altro, rappresentano sicuramente un ottimo alleato portatore di vitamine, sali minerali e altre sostanze preziose. «Il grande vantaggio è che, si possono mischiare, con fantasia e semplicità, molti alimenti considerati super poiché ricchi di sostante nutritive», spiega Irene, «come ad esempio il cavolo riccio, l’erba d’orzo, i semi di chia, ecc.». A livello degli ingredienti ci si può davvero sbizzarrire. La famiglia Birth predilige il latte di riso, per il suo sapore gradevole e la digeribilità. Molti amano anche utilizzare il latte di soya, per il suo valore proteico, così come lo yogurt. Addolcire gli smoothies evitando lo zucchero bianco è facile, sono ideali frutti come la banana e il dattero così come il miele, la stevia e gli sciroppi di agave e acero. Chi volesse dare ulteriore freschezza al proprio preparato può congelare la frutta prima di frullarla! Queste bombe d’energia colorata sono molto amate anche dai piccoli… «Essendo genitori di una bambina di tre anni e mezzo», confermano Irene e Greg, «il frullato è spesso un buon modo per convincerla a mangiare cibi sani e naturali, ed è anche divertente coinvolgerla nella preparazione»!

Preparazione: frullare gli ingredienti freschissimi e servire.



Per colazione e benessere generale

  • una manciata spinaci freschi
  • o cavolo riccio
  • 1 banana
  • 1 mango
  • 1 c.no di semi di chia
  • 1 c.no di semi di lino
  • 1 c.no di erba d’orzo in polvere
  • una manciata di anacardi
  • acqua, secondo la consistenza desiderata




Per il raffreddore

  • una manciata di mirtilli
  • 1 pz. di curcuma fresca
  • 1 pz. di zenzero fresco
  • 1 limone spremuto
  • 1 c.no di miele
  • 1 c.no di cannella




Per colazione dopo sport

  • 1 banana
  • una manciata di mirtilli
  • 2 c.no di cacao in polvere
  • 1 c.no di semi di chia,
  • sesamo, zucca e girasole
  • 1 c.no di olio di cocco
  • una manciata di mandorle
  • 40 g di fiocchi d’avena
  • integrale
  • 1 c.no di cannella
  • latte di riso, secondo la consistenza desiderata




Per i bimbi (ma non solo!)


  • due manciate di lamponi,
  • mirtilli e fragole (ev. surgelati)
  • 1 banana
  • una manciata di noci di macadamia
  • 1 c.no di semi di chia
  • 1 c.no di miele
  • un po’ di vaniglia in polvere
  • latte di riso, secondo la consistenza desiderata
CLICCA QUI PER LEGGERE IL REPORTAGE COMPLETO
TORNA AL MENU «REPORTAGE»
VAI ALLA SEZIONE «A TAVOLA»
TORNA ALL'HOMEPAGE

Commento (0)

Grazie per il vostro commento.

Questo commento ha un contenuto sgradevole?

Il testo sarà controllato ed eventualmente modificato o bloccato.

Il vostro commento

Non avete ancora scritto il commento.

Questo campo deve essere compilato. Grazie.

Campo obbligatorio
Questo campo deve essere compilato. Grazie.










Si prega di commentare nel rispetto della nostra netiquette e degli altri utenti.


ARTICOLI IN EVIDENZA



Un operatore sociale
con la videocamera

Il documentarista luganese Olmo Cerri ci parla del suo particolarissimo lavoro di ricerca sull’immigrazione italiana in Ticino.


*****

Il figlio di Ivan Graziani
si fa strada

Ecco Sala Giochi, il secondo album di Filippo, 36enne che cerca di seguire le orme del papà. Con discreto successo.

*****





Login con il profilo di Cooperazione

Chiudere
Fehlertext für Eingabe

Fehlertext für Eingabe

Dimenticato la password?