Sotto al ginocchio

Sul tipo di gonna da indossare, sul cappotto a vestaglia alla Meghan Markle e sulla moda delle sneakers con abiti eleganti.

Ho 45 anni e avrei bisogno di sapere gentilmente quale tipo di gonna longuette scegliere per non apparire troppo classica.

Roberta Piemontesi, consulenza d'immagine

Roberta Piemontesi, consulenza d'immagine
http://www.cooperazione.ch/Sotto+al+ginocchio Roberta Piemontesi, consulenza d'immagine

La sottile linea che definisce il livello di modernità di un indumento sta nel dettaglio. La gonna sotto al ginocchio più in voga presenta queste chiare caratteristiche: vita alta e marcata, spacchi profondi, che aiutano ad allungare otticamente la gamba, oppure orli asimmetrici e ancora dettagli svasati o a godet alle estremità. Le più temerarie possono anche azzardare la sovrapposizione gonna su pantalone aderente, mentre è sempre e comunque “cool” giocare con calze spesse o traforate abbinate a scarpe con alti tacchi robusti.

Mi piacerebbe approfittare dei saldi per acquistare un cappotto color cammello simile al modello indossato dalla futura sposa del principe Harry: Meghan Markle, in una sua recente apparizione. Sono mora e ben proporzionata, minuta, con spalle strette e vita marcata: cosa mi valorizza?



Il cappotto a vestaglia a cui lei accenna è andato letteralmente a ruba. Le intramontabili sfumature di beige rappresentano un classico del guardaroba, si allineano alle tendenze, saranno di gran moda anche la prossima stagione ma… nove volte su dieci, donano poco e scoraggiano a priori. Anche la bella Meghan ha osato e si è spinta oltre la sua zona di confort, complice un modello troppo lungo, con spalle fuori taglia e collo esagerato. Le suggerisco quindi di scegliere una mezza lunghezza, di preferire un taglio aderente, una cintura bassa (può sostituire quella in dotazione con una in cuoio) e un collo aperto che slancerà la sua figura.

Che cosa pensa delle scarpe da ginnastica che vedo portare sempre più anche con abiti eleganti? Sarò anziana e fuori moda, ma io le trovo davvero orrende.

“De gustibus non disputandum est” e, soprattutto, i criteri con cui le tendenze indicano forme e abbinamenti non sono forzatamente adeguati alle regole del buon gusto, ma a concetti che assumono precisi significati. Come negli anni Novanta, oggi i codici del vestire formale si fondono sempre più con lo stile sportivo, per spingerci a muoverci a passo di corsa, con un risultato versatile e insolitamente desiderabile… Le confido che questa tendenza persisterà durante questa primavera e sembra già influenzare anche il 2019: le nuove sneakers sono e saranno voluminose e tecniche, con suole sovrapposte e colori sgargianti.