This presentation requires the Adobe Flash Player. Get Flash!

Supereroe romantico

È in sala «The Amazing Spider-Man 2: Il potere di Electro». Il Ragno deve salvare New York e combattere i demoni del suo passato.. — Lorenzo Buccella

D’accordo, ormai è come un marchio di fabbrica: da un grande potere derivano grandi responsabilità. Ma poi, come testimoniano gli ingranaggi a orologio d’inizio film, arriva anche il tempo delle scelte. Tanto più che a ogni nuovo balzo cinematografico, le ragnatele di Spider-Man non sono solo armi per sgominare il nemico, ma sono anche la condizione esistenziale con cui il nostro supereroe si trova confrontato nel passaggio dall’adolescenza all’età adulta. Non a caso, in questo secondo episodio «giovanile» della nuova saga firmata da Marc Webb, The Amazing Spider-Man 2: Il potere di Electro, il Ragno non mette solo in agenda il consueto compito di salvare New York dal crimine, ma finisce per combattere contro demoni e fantasmi che riemergono dal passato.

This presentation requires the Adobe Flash Player. Get Flash!

GUARDA IL VIDEO PER TABLET E SMARTPHONE

GUARDA IL VIDEO NELLA NOSTRA WEB TV

«Credo che Spider-Man sia diverso da tutti gli altri supereroi» ha spiegato il regista americano «è un ragazzo che deve pagarsi l’affitto, che ha problemi con la propria fidanzata e con le persone che lo circondano. Quindi è più facile identificarsi con lui». Un supereroe della porta
accanto, quindi, ironico e sfrontato quando si diverte a rimbalzare tra i grattacieli per portar giustizia, finché poi i colpi bassi del destino non lo costringono a crescere in fretta. Di mezzo, ci sono amici-nemici ritrovati, promesse non mantenute, il mistero della morte del padre, senza contare quel «dannato» imperativo di un dover essere Spider-Man che finisce per entrare in collisione con la sua storia d’amore.

Una storia qui servita a grandi cucchiaiate romantiche, tanto da diventare lo scivolo fatale del racconto, quasi più degli immancabili e spettacolari momenti d’azione «spacca e rompi» che caratterizzano il genere. Del resto, già nel primo episodio, la sintonia tra Andrew Garfield (Peter Parker) e Emma Stone (Gwen Stacy) aveva innescato le giuste scintille. Ora la loro alchimia – nella vita come nel film – è talmente forte che arriva al picco del non ritorno. «Quello che preferisco al cinema» ha detto ancora Webb «sono proprio le storie d’amore e la fortuna di lavorare con Emma e Andrew sta nel fatto che con loro ogni scena diventa sempre credibile e quindi più coinvolgente per lo spettatore».

Patemi d’animo con cui un supereroe deve convivere, perché intanto lo spartito del film non aspetta e s’ingolfa fin troppo generosamente di cattivi. Non solo l’elettrico Electro che scatena violenti black-out in città, ma anche altri «villains», piazzati lì per portare a termine la doppia missione del film: sbrogliare la matassa emotiva dell’episodio, preparando i ganci per il prossimo appuntamento della saga.

Commento (0)

Grazie per il vostro commento.

Questo commento ha un contenuto sgradevole?

Il testo sarà controllato ed eventualmente modificato o bloccato.

Il vostro commento

Non avete ancora scritto il commento.

Questo campo deve essere compilato. Grazie.

Campo obbligatorio
Questo campo deve essere compilato. Grazie.










Si prega di commentare nel rispetto della nostra netiquette e degli altri utenti.

LEGGI ANCHE…


L'appuntamento quindicinale

Le analisi di Ceroni su Cooperazione

Parliamo d'arte

La rubrica "Il quadro" di Cooperazione

LEGGI ANCHE…


L'appuntamento quindicinale

Le analisi di Ceroni su Cooperazione

Parliamo d'arte

La rubrica "Il quadro" di Cooperazione



Login con il profilo di Cooperazione

Chiudere
Fehlertext für Eingabe

Fehlertext für Eingabe

Dimenticato la password?