The xx, le suggestioni indie-pop

Per gli amanti dell’indie-pop britannico sono un gruppo di culto. Tre ragazzi con alle spalle due album, oltre tre milioni di copie vendute e diversi riconoscimenti importanti.  — DIEGO PERUGINI

Per il terzo lavoro, I See You (Young Turks), i The xx hanno viaggiato per il mondo, registrando in due anni fra New York, Marfa TX, Reykjavik, Los Angeles e la loro Londra. Un’apertura verso l’esterno per un album breve e compatto, una decina di pezzi che di rado superano i tre/quattro minuti.
Il suono guarda alla new wave inglese anni Ottanta ma anche al trip-hop dei Novanta, con un’elettronica «calda», atmosfere suggestive e uno spiccato gusto per la melodia. In più, due voci (maschile e femminile) che s’alternano e si mescolano sapientemente. Dangerous è incalzante e ballabile, così come il singolo On Hold. Anche se sono le ballate a coinvolgere di più, dal ritornello di Say Something Loving alla romantica Brave For You. Finale più oscuro e sperimentale con Test Me. Un disco convincente, un bell’inizio d’anno.

Torna al menu «MUSICA»
Vai alla sezione «TEMPOLIBERO»
Torna all'HOMEPAGE

Commento (0)

Grazie per il vostro commento.

Questo commento ha un contenuto sgradevole?

Il testo sarà controllato ed eventualmente modificato o bloccato.

Il vostro commento

Non avete ancora scritto il commento.

Questo campo deve essere compilato. Grazie.

Campo obbligatorio
Questo campo deve essere compilato. Grazie.










Si prega di commentare nel rispetto della nostra netiquette e degli altri utenti.

LEGGI ANCHE…


L'appuntamento quindicinale

Le analisi di Ceroni su Cooperazione

Parliamo d'arte

La rubrica "Il quadro" di Cooperazione



Login con il profilo di Cooperazione

Chiudere
Fehlertext für Eingabe

Fehlertext für Eingabe

Dimenticato la password?